L’americana ha aspettato diverso tempo per annunciare la nascita della figlia per timore dei paparazzi e dei giornali.

Amanda Knox, 34enne americana tristemente conosciuta per essere stata accusata e poi assolta 10 anni fa per l’omicidio della studentessa Meredith Kercher, è diventata mamma. La notizia ci arriva però diversi mesi dopo la nascita della figlia, che porta il nome di Eureka Muse Knox-Robinson. La donna ha preferito mantenere la massima riservatezza sull’arrivo della bambina, per tutelarla dall’intrusione di paparazzi e testate giornalistiche varie.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Spiega le sue motivazioni al New York Times, in un’intervista fatta in occasione dei suoi 10 anni dopo l’assoluzione dell’omicidio della studentessa inglese. Durante il dialogo con il giornalista, di cui ci pervengono alcune parole grazie al sito Bigodino, racconta del suo rapporto con il compagno Christopher Robinson: “Siamo molto uniti. Continuo a dire a Chris che vorrei andare a vivere in un posto dove non debba essere obbligata a rivivere continuamente la peggiore esperienza della mia vita per poter pagare il mutuo“.

Infatti Amanda Knox è seriamente intenzionata a impegnarsi nel mondo del lavoro per avere maggiori guadagni e dare sostegno economico alla famiglia, soprattutto per la figlia venuta al mondo pochi mesi fa. Potete guardare qui il post di Amanda Knox su Instagram dove parla della sua intervista e della nascita della piccola Eureka:

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 24-10-2021


Giucas Casella offende Francesca Cipriani, “Pesi troppo”: la reazione della showgirl

Alfonso Signorini rivela un fatto scioccante al GF VIP e tutti sono contro di lui