Amal Alamuddin in pericolo? Minacce di morte per la signora Clooney

Amal Alamuddin sarebbe stata minacciata di morte e George Clooney starebbe facendo di tutto per aumentare la sicurezza attorno a lei

chiudi

Caricamento Player...

Non si può dire che George Clooney e Amal Alamuddin stiano passando un bel momento: secondo quanto riporta Gossipblog.it, l’avvocatessa sarebbe stata minacciata di morte a causa della sua difesa all’ex presidente delle Maldive Mohamed Nasheed, democraticamente eletto e in seguito incarcerato. Amal Alamuddin non sarebbe totalmente al sicuro, tanto che, come avrebbe confermato tramite Metro il consigliere del distretto regionale South Oxfordshire Paul Harrison, George Clooney avrebbe fatto aumentare la sicurezza attorno alla residenza britannica nel Berkshire. “L’aumento della security non è stato pensato per lui, ma per lei. George pensa che in questo momento Amal si trovi in una situazione piuttosto delicata. Le minacce di morte che ha ricevuto a causa del suo lavoro sono molto ma molto serie. Lui è comprensibilmente preoccupato che lì fuori ci siano persone che vogliano fare del male ad Amal o, quantomeno, tentare di intimidirla. Lei è una donna formidabile con una ricca esperienza in casi contenziosi, ma i rischi del suo lavoro vanno trattati con cautela. La più grande paura di George è che possa succedere qualcosa ad Amal. Nessuno di loro vuole correre il rischio”.

Alte misure di sicurezza

George Clooney, molto preoccupato per la sicurezza della sua Amal Alamuddin, avrebbe chiesto di poter installare 18 telecamere: 8 sui pali all’altezza di sei metri e 10 ad altezza uomo.

Per questioni di privacy dei vicini, le telecamere potranno essere installate al massimo all’altezza di tre metri.

La coppia sarebbe scortata 24 ore su 24 da guardie del corpo e non potrebbe frequentare i ristoranti preferiti vicini a casa, noti ai più, per paura di qualche attacco nel locale.

Un periodo difficile che si spera finirà presto per l’incolumità dell’attore e della sua bella e coraggiosa moglie.

Fonte: Us Magazine
Fonte: Us Magazine