In occasione di San Valentino, il conduttore ha scritto tra le pagine di Chi un racconto piuttosto piccante sulla sua vita sentimentale passata.

Alfonso Signorini ha raccontato una vicenda sentimentale legata alla sua prima fidanzata. Il conduttore ha avuto la voglia di tradirla con un uomo ma le cose non sono andate nel modo in cui sperava e il San Valentino si è trasformato in un incubo.

Le dichiarazioni di Alfonso Signorini

Come riporta Blogtivvu, Alfonso Signorini racconta: “Proprio durante la festa degli innamorati per causa di forza maggiore mi lasciò solo per raggiungere la sua famiglia. Così, come il primo dei traditori seriali, mi trovai ad avere un “pensiero stupendo”: perché non approfittarne per assecondare quella voglia di trasgressione che sentivo da tempo dentro di me? Non l’avevo mai fatto. 

E ancora: “Ma da dove cominciare? Ero completamente fuori dai giri gay, non frequentavo locali e non esistevano ancora chat di incontri. Così, presi il coraggio a due mani e la notte mi trovai davanti all’edicola di porta Venezia a comperare Secondamano, un giornale di inserzioni gratuite. ” Il racconto continua: “

Robert. Modello di campagne internazionali di Calvin Klein e Armani offresi per compagnia. Anche weekend”. Il giorno dopo, mettendo tre fazzoletti sulla cornetta del telefono per camuffare la voce, lo chiamai. Il cuore mi batteva impazzito. Concordai un fine settimana a Parigi. 

Mentre lo aspettavo in aeroporto vedo apparire in lontananza un tipo improbabile: bellissimo, con una canotta sotto un giubbetto jeans, cicca in bocca, occhiali a specchio. Il classico tarro, Per un attimo ho sperato che non fosse lui. Invece era lui. La prima cosa che fece in aereo (non sapeva neppure allacciarsi le cinture di sicurezza, altro che campagne di moda internazionali…) fu chiedere alla hostess una pizza e una birra. Praticamente non era mai salito su un aereo in vita sua.  Durante il volo non si è fatto mancare nulla: dall’urlo “Che fig*taaaa” in fase di decollo all’ applauso durante l’atterraggio. Volevo sprofondare dalla vergogna.

Poi conclude: “A quel punto, sicuro che non sarei sopravvissuto un intero weekend con un tipo del genere, mi sono inventato una chiamata e ho fatto morire anzitempo mia zia (era la terza o quarta volta, poveretta) costringendoci a tornare in Italia. Insomma, un San Valentino disastroso: oggi sorrido, ma a quei tempi mi ero fatto un film diverso sul mio “pensiero stupendo“.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

Alfonso Signorini

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 17-02-2022


Michelle Hunziker, la frecciatina a Tomaso Trussardi: “Non ho potuto mai…”

Harry e Meghan, i fan si schierano con loro: “Per il Principe Andrea niente bufera mediatica”