Come affrontare la stanchezza da cambio di stagione?

Vitamina D, movimento, riposo

chiudi

Caricamento Player...

Come affrontare la stanchezza da cambio di stagione? Buone abitudini da tenere tutto l’anno per sconfiggere l’astenia.

I sintomi più comuni della stanchezza da cambio di stagione

La sonnolenza che si protrae per tutta la mattina e nel peggiore dei casi fino al tardo pomeriggio è uno dei sintomi che più frequentemente si attribuisce al cambio di stagione.
C’è la possibilità di non avvertire la sensazione di sonnolenza prolungata ma di soffrire di tanto in tanto di colpi di sonno, che potrebbero rivelarsi estremamente pericolosi se si ha necessità di guidare frequentemente.

Naturalmente la stanchezza diffusa e la sonnolenza comportano un calo quasi verticale della concentrazione e della produttività.
Per quanto questi sintomi siano avvertiti come più diffusi e frequenti durante il passaggio dalla primavera all’autunno e più in generale durante i cambi di stagione, la verità è che si verificano durante tutto l’anno, a causa molto spesso di abitudini sbagliate.

Come affrontare la stanchezza da cambio di stagione?

Le regole per combattere il senso di stanchezza diffuso e persistente chiamato clinicamente astenia sono valide in realtà tutto l’anno, ma può essere molto utile adottarle al passaggio dall’estate all’autunno per aiutare il corpo a reagire meglio al cambiamento di marcia tipico di questo periodo.
L’alimentazione deve essere il più possibile equilibrata, priva di cibi grassi, fritti e dolciumi elaborati, soprattutto a pranzo. La colazione, ricca e abbondante, deve essere in grado di frenare il senso di fame fino a pranzo. Il pranzo dev’essere leggero per non affaticare la digestione e la cena frugale, per non appesantire il sonno. Mangiare ad orari regolari è un’altra ottima abitudine.
Il sonno dev’essere regolare e sufficiente. Ognuno ha bisogno di un numero differente di ore di riposo ed è bene, soprattutto al principio dell’autunno, dormire abbastanza ma mai troppo a lungo. Spegnere pc e smartphone due ore prima di addormentarsi è fondamentale.
Fare attività fisica mentre le temperature ancora lo consentono e possibilmente all’aria aperta è un vero toccasana per conciliare il sonno e scaricare lo stress.

 

Fonte Foto: Pinterest