Da WhatsApp, potrebbe essere in arrivo una nuova funzione in grado di far pulizia tra le tante chat. Ecco di cosa si tratta e come funziona.

WhatsApp è senza alcun dubbio una delle app di messaggistica più famose ed usate al mondo.
Proprio per questo, però, si corre sempre il rischio di trovarsi con miriadi di chat contenenti numerosi messaggi e tutto con un certo caos all’interno del proprio smartphone.
A tal fine, gli sviluppatori, sono sempre attivi nel cercare nuove soluzioni per andare incontro a chi usufruisce di questo servizio. E secondo alcune indiscrezioni, sembra che tra i prossimi aggiornamenti ci sia proprio la possibilità di far pulizia tra le tante chat, portando il giusto ordine all’interno dell’applicazione.

In cosa consiste la nuova funzione di pulizia delle chat di WhatsApp

La notizia arriva da WaBetaInfo, un sito solitamente attendibile sui vari rumors dedicati alla nota app di messaggistica.

donna con telefono
donna con telefono

Questa volta, tra le novità in programma secondo il sito pare ci sia proprio quella di poter far pulizia tra le varie chat, rendendole così più ordinate e facili da leggere.
Si tratterebbe di un’implementazione della funzione messaggi effimeri. Cosa che dovrebbe portare alla possibilità di eliminare automaticamente (ovviamente dopo averla attivata) le nuove conversazioni singole o di gruppo. E questo dopo un lasso di tempo che andrà specificato al momento dell’attivazione.

Dopo le chat e i video visibili solo una volta, ecco quindi un nuovo modo per mantenere l’app più leggera e per evitare di trovarsi con conversazioni chilometriche.
La nuova funzione che dovrebbe chiamarsi “Disappering mode” sembra quindi essere sempre più vicina, anche se al momento non è ancora stata ipotizzata una data di rilascio.

Futuri possibili aggiornamenti di WhatsApp

Ovviamente, come spesso avviene, gli aggiornamenti previsti per la nota app di messaggistica sono diversi. Tra i tanti uno parecchio interessante consisterebbe nella possibilità di vedere le onde sonore di un messaggio audio prima di inviarlo. In questo modo si potrà capire se nello stesso ci sono picchi di volume e decidere se e come procedere.

Tra altre cose, pare sia finalmente in arrivo una versione anche per iPad. Versione attesa ormai da tempo e che dovrebbe essere ormai prossima, garantendo lo stesso uso già presente su iOS e Android.


Endometriosi: un concerto sul tetto del San Raffaele per saperne di più

Cosa c’era in TV l’11 settembre 2001? La Melevisione e gli altri programmi interrotti