Su WhatsApp stanno per arrivare foto e video visualizzabili solo una volta. Scopriamo di cosa si tratta.

La famosa app di messaggistica WhatsApp ha deciso di introdurre una novità davvero importante. Si stratta di foto e video che una volta inviati saranno visualizzabili solo una volta. Un modo per condividere elementi importanti che si ha voglia di mostrare ma che ciò nonostante si preferirebbe non restassero nello smartphone di chi li riceve. Un po’ come quando si mostra una foto stampata a qualcuno, consapevoli del fatto che una volta vista non potrà comunque essere mostrata ad altri. Una novità sicuramente importante ma che ha ancora alcuni limiti.

WhatsApp, foto e video che si cancellano dopo la prima visualizzazione

A breve, e dopo un periodo di prova, WhatsApp aggiungerà la nuova funzione sia per Android che per iOS.

smartphone
smartphone

In pratica, ogni qual volta si cercherà di inviare un file multimediale, apparirà la possibilità di far sì che questo venga visto una sola volta.

Ciò significa che dopo una prima visualizzazione, quanto inviato sparirà automaticamente senza lasciare alcuna traccia sullo smartphone di chi l’ha ricevuto.
Un modo per preservare la privacy e per evitare il sovraccaricamento di file che spesso si dimentica di cancellare e che restano così nella memoria del telefono.
Al tutto si aggiungerà anche una conferma di lettura che mostrerà data e ora della ricezione del file. Cosa che andrà a cancellare la possibilità di non far vedere di aver visionato un messaggio.

Quali sono i bug della nuova funzione di WhatsApp

Sebbene l’idea alla base sia decisamente ottima e probabilmente destinata a rendere questa funzione sempre più in uso, esiste un problema legato alla privacy. Inviare un’immagine o un video con questo sistema, infatti, da un lato elimina la possibilità che sia visto successivamene ma non esclude che questo possa essere ripreso con uno screenshot. Problema che si verifica sopratutto per le foto.

Al momento, manca intatti un sistema che indichi se quanto inviato è stato fotografato o ripreso dal ricevente. Un problema che si spera sarà corretto in futuro ma che al momento è bene tenere a mente in modo da non sentirsi troppo sicuri riguardo a ciò che si invia.


Effetto Matilda: che cos’è e perché crea ancora indignazione

Stelle cadenti a San Lorenzo: ecco quando è più facile vederle