La campionessa delle Olimpiadi parla della sua esperienza nel salotto pomeridiano di Silvia Toffanin.

Nella puntata pomeridiana di ieri abbiamo trovato negli studi di Verissimo Vanessa Ferrari, atleta che ha portato l’ennesimo motivo di orgoglio al popolo italiano questa estate con la vittoria della medaglia d’argento alle Olimpiadi di Tokyo. Intervistata da Silvia Toffanin, la campionessa ha raccontato della sua esperienza. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da il Libero Quotidiano.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Finalmente ce l’ho fatta, dopo tanti sacrifici è arrivata questa medaglia. Era la mia quarta olimpiade e nelle altre tre ho sempre sfiorato il podio. È stato bellissimo conquistarla anche se il momento più intenso l’ho vissuto quando sono tornata a casa a Milano. Prima di allora non avevo ancora ben realizzato quello che avevo fatto. Avevo molto male ai tendini, ma questa cosa non doveva essere un ostacolo. Ho fatto una bellissima carriera, ma in fondo sentivo la mancanza di una medaglia olimpica. Vincerla dopo tanto dolore e moltissime delusioni mi ha appagata“.

Insomma, potremmo dire che nonostante la sofferenza e gli ostacoli, c’è stato un risvolto decisamente positivo della medaglia. Infatti grazie a lei, il Bel Paese ha conquistato il decimo posto in classifica per numero di medaglie vinte durante le Olimpiadi estive. Inoltre, ci tiene a ringraziare in pubblico la madre, che l’ha sempre sostenuta pur compiendo dei grandi sacrifici: “Ho iniziato ad allenarmi tutti i giorni a Brescia quando avevo 8 anni. Mia mamma percorreva 200 chilometri ogni volta per accompagnarmi. Ho vissuto in palestra, non è stata un’adolescenza come le altre, è stato difficile ma ne è valsa la pena“.

Onore a Vanessa e a tutte le atlete italiane!

Riproduzione riservata © 2021 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 16-10-2021


GF Vip, un voto da dividere in tre: prime frizioni tra le sorelle Selassiè

Domanda su Ambra in conferenza stampa, Allegri non gradisce: “Non parlo della mia vita privata”