Non solo le foto della guerra in Ucraina, anche le case colorate di Kiev stanno facendo il giro del mondo: sono simbolo di pace e speranza.

Una guerra inaccettabile, quella esplosa in Ucraina per volere della Russia. Ogni giorno il numero delle vittime aumenta e le immagini che fanno il giro del mondo sono sempre più crudeli. Accanto a tanta brutalità, però, ci sono foto che donano un minimo di speranza, ovvero quelle delle case colorate di Kiev che urlano al cielo il desiderio di pace della popolazione.

Ucraina: le case colorate di Kiev

Case rosse, gialle, verdi, arancio e celeste: stiamo parlando del rinomato Comfort Town, quartiere di Kiev. Noto in ogni angolo del globo proprio per i suoi palazzi colorati, in questi giorni è diventato ancora più famoso a causa della guerra che imperversa in Ucraina per volere della Russia. Mentre le immagini del terribile conflitto fanno il giro del pianeta dallo scorso 24 febbraio, i colori delle case di Kiev sembrano fargli da contrapposto. Non a caso, queste abitazioni sono diventate simbolo di speranza e di pace universale. Il “no war” non è richiesto soltanto dalla popolazione ucraina, ma anche da tanti altri popoli, fratelli. Non esistono tradizioni culturali differenti o generi: la pace unisce tutti, sempre che la si voglia.

Ecco perché Comfort Town è diventato un simbolo universale ed è stato recepito da tutti come tale, tranne che da Vladimir Putin. Pensate che le case colorate di Kiev sono nate proprio per rendere gli abitanti più felici. Non è un caso, infatti, che lo studio di architettura Archimatika, ovvero l’autore del progetto, abbia utilizzato colori sgargianti che trasmettono solo vita, tanta vita. E la vita non fa e non farà mai rima con la guerra.

Come sono nate le case colorate di Kiev: alla scoperta di Comfort Town

Le case colorate di Kiev fanno parte di un complesso residenziale progettato dallo studio di architettura Archimatika. Dove oggi sorge Comfort Town, un tempo c’era una grande area industriale, prima attiva e poi abbandonata. Il progetto di costruzione ha riguardato tutti e 40 gli ettari della proprietà, dove sono nati palazzi di differenti altezze e dimensioni, zone pedonali, parchi verdi, aree dedicate ai bambini, un centro commerciale e una palestra con piscine, sala fitness e campi sportivi all’aria aperta. Non solo, il quartiere ospita anche l’Academy of Modern Education, una struttura scolastica all’avanguardia, e un parco suddiviso in cinque sezioni: un labirinto, una zona giochi, un’area relax, un servizio bar e un’area con cerchi sulla pavimentazione.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 10-03-2022


A Milano c’è la Pechino Express Selfie Experience: ecco cos’è e come partecipare

Covid, dal 31 marzo finisce lo stato di emergenza: ecco cosa cambierà