L’ex gieffino ha cominciato da poco tempo la sua nuova avventura con Discovery+ e svela perché ha abbandonato Casa Mediaset.

L’ex vincitore del Grande Fratello Vip, Tommaso Zorzi, ha cominciato da poco tempo la sua nuova avventura con la casa di produzione Discovery+ con la conduzione del programma Drag Race Italia. In una intervista a TvTalk ha elencato però i motivi che lo hanno portato ad allontanarsi, almeno momentaneamente, dalla Mediaset.

Ecco cosa ha dichiarato il neoconduttore: “Io questo lavoro lo voglio fare seriamente, e per farlo bisogna farsi le ossa. Bisogna un po’ staccarsi dalla tv generalista, dove purtroppo quasi sempre tutto è ridotto a un numero che è lo share. Mentre dove sono io posso fare un lavoro attento ai contenuti e al messaggio e per un giovane come me buttarsi subito nel mondo dei grandi ed essere messo a paragone con Gerry Scotti, Paolo Bonolis e dei mostri sacri venendo da un decimo della loro esperienza e del loro talento, perché la TV non c’è nessuno che t’insegna a farla e la impari facendola.”

Insomma, a detta sua la Mediaset non sarebbe il luogo ideale dove fare formazione. Continua evidenziando invece gli aspetti positivi di Discovery+: “ ho preferito farmi le ossa laddove mi era possibile farlo con il mio modo di comunicare perché Discovery è una famiglia nella quale io ho grandissima voce autoriale rispetto a quello che sono i contenuti sulla generalista invece devi sempre sottostare a delle regole che sono più grandi di te“.

Le citazioni sono rilevate da Blogtivvu.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 05-12-2021


Uomini e Donne, è crisi tra Eugenio e Francesca: scopriamo cosa è successo

George Clooney, il divo etico: “Ho rifiutato 35 milioni di dollari per uno spot”