L’ex vincitore del GF Vip commenta in modo duro la bocciatura del DDL Zan in Senato e gli applausi che ne sono seguiti, definendo ciò che è accaduto ieri uno “schifo”.

Tommaso Zorzi in alcune storie su Instagram si sfoga con i follower in merito alla bocciatura del DDL Zan e alle esultanze in Senato. Molto duro il commento dell’ex vincitore del GF Vip che ha definito uno “schifo” ciò che è accaduto ieri in Senato. Ad affiancarlo nella sua critica c’è anche il compagno Tommaso Stanzani, altrettanto indignato.

Le dichiarazioni di Tommaso Zorzi sul DDL Zan e la reazione in Senato

Ieri, in Senato è stato bocciato il DDL Zan con un voto segreto e con tanto di applausi e urla al termine della votazione. Il provvedimento prevedeva una maggiore tutela per i diritti degli omosessuali e transuessuali che, purtroppo, sembra non essere andata a buon fine. A commentare ferocemente e con le lacrime agli occhi questo risultato è proprio Tommaso Zorzi che dichiara: “Una scelta codarda, medievale, antiprogressista. Non mi rende fiero di essere italiano. Oggi è un giorno che ricorderemo tristemente come il giorno in cui l’odio è passato in Senato”. Lo sfogo dell’ex gieffino non termina qui e si riferisce direttamente ai “cori” di esultanza da parte dell’aula: “E a quelli che si sono alzati in aula per applaudire come allo stadio, auguro tutta la felicità del mondo. Perché a differenza loro non provo piacere a disseminare odio e violenza e non potrei guardarmi allo specchio se lo facessi. Pace a loro ma per me questa sarà una giornata triste”.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 28-10-2021


Michelle Hunzicker parla di Eros: “A nove anni ho deciso che lo avrei sposato”

GF VIP 6: altro incidente per Lulù in Casa, cosa è successo?