Una suora di 77 anni convinta No Vax è stata denunciata dal fratello, medico in pensione e vaccinatore volontario, al Vescovo della Diocesi di Padova.

“Nonostante l’appello al vaccino del Papa, dei vescovi e del presidente Mattarella… Avete un covo di No Vax che spinge in tal senso anche con foto ed appelli al limite del ridicolo”. Legge così la lettera inviata al Vescovo della Diocesi di Parma da un medico in pensione 72enne, sostenitore del siero anti Covid al punto da offrirsi come vaccinatore volontario. “È il monastero a Montegalda con la madre superiora che vive di cellulare e di quotidiana e sciocca propaganda No Vax. Il colmo è che è mia sorella”, conclude.

Ebbene sì, la suora in questione è proprio la sorella maggiore del medico, una 77enne oppositrice della campagna vaccinale.
La risposta della Diocesi non si fa attendere: “Il vescovo stesso (e altri rappresentanti della Diocesi) in più occasioni si è espresso per questa scelta responsabile nei confronti di se stessi e degli altri e la Diocesi ha periodicamente informato parroci e realtà religiose della necessità di attenersi alle indicazioni del governo su norme e comportamenti da assumere, distanziamenti, utilizzo delle mascherine.”
Poi aggiunge che, riferendosi al vaccino, il richiamo della Chiesa “può essere esclusivamente alla responsabilità personale di ciascuno.”

La suora, in seguito alla letta, ha dichiarato che sta considerando la vaccinazione: “Ho voluto aspettare l’estate perché in estate non c’è grande pericolo. Ma se questo morbo ricomincia e fa tante vittime… Allora vado.”

ultimo aggiornamento: 02-09-2021


Morto Mikis Theodorakis, il celebre compositore del Sirtaki

Crolla una casa a Pontremoli: si cercano feriti tra le macerie