Secondo una ricerca scientifica americana, lo stress è una delle cause che riducono l’effetto del vaccino contro il Covid-19.

Il vaccino Covid funziona di meno se sei stressato? A quanto pare sì. Lo afferma una ricerca americana condotta sulle sperimentazioni vaccinali del passato. Stando a questo studio, stress, ansia, depressione e anche mancanza di sonno sono alcuni dei fattori che indeboliscono l’efficacia del vaccino. Questo perché quando si è sotto stress l’organismo è più debole e la risposta del sistema immunitario è quindi meno rapida, se non esistente. Cosa può invece aiutare il vaccino? Un buon sonno, l’attività fisica e anche… un caldo abbraccio!

Vaccino Covid: lo stress riduce l’efficacia?

Nelle settimane di maggior discussione sull’efficacia di vaccini, la ricerca mette in luce nuovi nemici da dover affrontare. Esistono infatti alcuni fattori esterni, finora non calcolati, che potrebbero ridurre l’efficacia delle vaccinazioni. Tra questi lo stress, l’ansia, la mancanza di sonno e di movimento, ma anche la malnutrizione.

Lockdown Covid
Lockdown Covid

Una serie di elementi che non possono essere sottovalutati secondo gli esperti. I nostri comportamenti sono infatti determinanti per la risposta del nostro organismo alla vaccinazione. Per questo è consigliato dai medici dormire bene nelle 24 ore precedenti alla vaccinazione. Nei giorni precedenti e successivi sarebbe poi consigliato ridurre lo stress, magari facendo attività fisica e mangiando bene. E lasciarsi andare a un abbraccio, un rimedio semplice che può essere d’aiuto. Per essere pronto all’eventualità, prova a utilizzare il calcolatore dell’attesa per il vaccino: potrai così scoprire quanto manca al tuo turno.

L’influenza dello stress sull’efficacia dei vaccini

Non si tratta ovviamente una scoperta inedita. La ricerca indaga infatti sugli effetti collaterali dello stress sull’assunzione di vaccini anti-Covid, ma anche altri tipi di vaccini e farmaci possono risultare meno efficaci a causa di fattori esterni come questo. Lo ha dichiarato la ricercatrice Kiecolt-Glaser: “Esiste una letteratura così ricca su come lo stress può alterare la risposta ai vaccini, che sarei sorpresa se non ci fosse un tale effetto con la vaccinazione Covid (…) Sebbene non sia possibile cambiare la propria età, esistono strategie psicologiche, sociali e comportamentali che possono avere un impatto sostanziale sulla risposta del sistema immunitario a qualsiasi vaccino“.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 25-02-2021


Nuovo Dpcm, Draghi conferma il sistema dei colori: ecco le restrizioni fino a Pasqua

Cos’è il vaccino russo Sputnik V utilizzato a San Marino