Quali accorgimenti bisogna usare per sterilizzare i biberon correttamente? Vediamo come e fino a quando è consigliato farlo.

Sterilizzare biberon e tettarelle è importante soprattutto nei primi mesi di vita. All’incirca fino ai sei mesi è infatti consigliato sterilizzare i diversi oggetti con cui il piccolo entra in contatto. A volte si consiglia di continuare a sterilizzare biberon e tettarelle anche fino ad un anno di età, ma è bene evitare di trasformare quest’abitudine in una mania. Una particolare cura nel lavaggio (oltre alla sterilizzazione vera e propria) deve essere prestata nei confronti dei biberon. È importante, infatti, assicurarsi che non restino residui di latte tra un utilizzo e l’altro. Vediamo quali accorgimenti utilizzare per lavare e sterilizzare i biberon.

Sterilizzare biberon plastica

I biberon in commercio sono di diversi, in genere ai biberon in vetro che potrebbero risultare pericolosi in caso di rottura, si preferiscono quelli in plastica. Per i biberon in plastica bisogna prestare qualche attenzione in più e soprattutto verificare che con il tempo non si usuri.

mamma allatta neonato biberon
mamma allatta neonato biberon

Nel caso in cui il biberon non appaia più come in origine andrà subito sostituito per evitare che rilasci sostanze tossiche nel latte. Per i biberon in plastica valgono gli stessi accorgimenti per la sterilizzazione e i metodi principali che si possono usare sono gli sterilizzatori elettrici o a microonde. In alternativa agli sterilizzatori elettrici si possono sterilizzare i biberon in pentola, vediamo come fare.

Sterilizzare con acqua bollente

Accanto ai più moderni sterilizzatori elettrici a caldo, si può usare il classico metodo della bollitura. In questo caso basta immergere i biberon in una pentola piena d’acqua e portare a bollore, da quando l’acqua inizia a bollire bisogna lasciar passare 15 – 20 minuti.

È bene assicurarsi che i biberon nella pentola siano completamente coperti dall’acqua. Dopo la bollitura i biberon vanno estratti dall’acqua senza toccarli direttamente con le mani, ma aiutandosi con delle pinze. Si lasciano, quindi, ad asciugare completamente e poi possono essere rimontati. Questo metodo è meno rapido rispetto all’utilizzo degli sterilizzatori elettrici che solitamente impiegano una decina di minuti, in ogni caso però resta il metodo più economico da utilizzare. Ci sono poi gli sterilizzatori da forno a microonde che permettono di disinfettare i biberon nel giro di pochi minuti.


Cos’è l’hypnobirthing e come può aiutare ad affrontare il parto

Come togliere il ciuccio: il metodo efficace e senza traumi