“Eva Grimaldi e Imma Battaglia hanno svilito tutto”, parola di Shalpy

“Hanno svilito tutto in gossip”: queste sono le dure parole che Shalpy, Giovanni Scialpi, rivolge a Eva Grimaldi e Imma Battaglia

Il coming out di Eva Grimaldi e Imma Battaglia all’Isola dei Famosi ha sorpreso e appassionato milioni di italiani. Certo, anche le critiche non sono mancate: ecco che cosa ha detto Shalpy, il primo volto noto in Italia a celebrare nozze gay (nel 2015 ho sposato il compagno Roberto Blasi).

C’è chi fa da apripista per un diritto e chi poi raccoglie i soldi trasformando e svilendo tutto in gossip“, ha scritto in un tweet rivolto alla Battaglia. Il cantante si riferisce chiaramente alla copertina dove Eva e Imma hanno posato per il magazine Chi.

Ma non solo: “Le mie osservazioni sono due. L’oggetto del mio disturbo è che ho perso il lavoro e solidarietà da te non c’è stata. La seconda è che si ama non quando conviene in tv. Forse sbaglio io perché ho fatto tutto per principio senza calcolare né tempo né soldi“, ha cinguettato in seguito.

Giovanni Scialpi è sposato con Roberto Blasi

La diretta interessata, l’attivista Imma Battaglia, attaccata in pubblico, si è difesa dalle accuse del cantante in un’intervista a Gay.it.

“Una parte della comunità gay ha cominciato subito con la classica invidia! Ho letto e appreso cose da Shalpy che mi hanno lasciata davvero senza parole. Ma quale organizzata! […]. Può piacere, può non piacere, ma l’uscita su Chi, abbinata al coming out, al mio arrivo in Honduras e alla Festa della Donna, è stata del tutto casuale”,

Poco prima di partire Eva mi propose di fare un posato assieme a lei, per evitare che in un futuro prossimo venissero utilizzate foto nostre prese nelle situazioni peggiori: come in costume, al mare, o a passeggio con la spazzatura. Alfonso Signorini, che è un amico della mia compagna, sono anni che le chiedeva un posato.

Eva non aveva mai parlato della sua omosessualità in video, ma questo non vuol dire che non l’abbia fatto con le persone a lei care. Poco prima che iniziasse il reality, ad esempio, si è riunita con la sua famiglia e ha parlato, anche con loro, della nostra storia, ha detto la donna difendendo la spontaneità di tutto quello che è successo.

La lettera aperta di Shalpy, che torna a scagliarsi contro “la lobby”

Leggo sproloqui del genere: “il cantante spara a zero sulla base di mero pregiudizio contro quella gente che si è battuta per fargli avere i suoi diritti” ….. e chi sarebbe questa gente? Quella che balla sui carri sponsorizzati da discoteche e locali promuovendo prezzi stracciati o qualche free drink per il dopo gay pride? Le grandi attiviste LGBT che fanno coming out a comando, stranamente nel cuore della messa in onda di un reality con tanto di servizio e copertina su un noto settimanale ,guarda caso in concomitanza della festa della donna?

Le grandi parlamentari che propongono il proprio DDL portando a casa il nulla pur di avere una legge che porti il proprio nome, sbattendosene della Stepchild adoption e permettendo che ci trattassero neanche come sodoma e gomorra accettando la clausola di non fedeltà? Di un altra famosa (mahhh) attivista, forse troppo impegnata a fare l’opinionista in Tv e a promuovere i suoi ultimi libri?

Questa è la cupola della lobby gay dove se la suonano e se la ballano sempre e comunque …….. diritti gay svenduti, mercificati per puro business e proprio tornaconto. Mi spiace ma alla luce dei fatti l’unico orgoglio è ancora e solo con me stesso che faccio e ho sempre fatto le cose alla luce del sole, senza ulteriori fini ma con lo scopo di aiutare quella che dovrebbe essere una giusta COMUNITÀ“, scrive sul suo sito.