Gabriele Marchetti, rimasto tetraplegico dopo Ciao Darwin, si sfoga dopo anni da quell’incidente che gli ha segnato la vita.

La sua storia è ormai nota e ha rovinato, in parte, quel pensiero di iralità e leggerezza che ha sempre accompagnato la trasmissione Mediaset ‘Ciao Darwin’. Parliamo di Gabriele Marchetti, l’uomo rimasto tetraplegico a causa di una incidente avvenuto durante le registrazioni del programma. A distanza di anni, da quel 17 aprile del 2019, la sfortunata vittima del gioco ‘Genodrome’ è tornata a parlare al Corriere della Sera.

Tetraplegico dopo Ciao Darwin, lo sfogo dell’uomo

PAOLO BONOLIS
PAOLO BONOLIS

“Prima di quel giorno ero un uomo che faceva mille cose. Adesso per me è finito tutto”. Sono queste le parole senza bisogno di spiegazione alcuna di Gabriele Marchetti che dal 17 aprile 2019 è diventato tetraplegico a seguito di un incidente in occasione della partecipazione al gioco “Genodrome” di Ciao Darwin.

I ricordi dell’uomo sono ancora vivi nella sua mente: “Ero finito in acqua a testa in giù, con le gambe rannicchiate e le braccia raccolte. Pensavo che sarei affogato perché non riuscivo a muovere nulla. Poi ho sentito i soccorritori che sono intervenuti immediatamente”. Eppure, nonostante il tempestivo intervento, il risultato è stato terribile per lui. 

Per Marchetti neppure, a detto sua, una telefonata di chi ha sempre condotto la trasmissione: “Paolo Bonolis non mi ha mai cercato per sapere come sto. Neanche persone a lui vicine mi hanno mai contattato. Soltanto qualcuno della produzione all’inizio si è fatto sentire per telefono e per mail con la mia famiglia per conoscere la mia condizione fisica. Si sono messi a disposizione per ogni eventuale nostra necessità. Poi però non ci sono stati altri contatti”.

Il ricordo e l’attualità

Il pensiero dell’uomo va oggi alla sua vita precedente ma anche alla routine attuale: “Ho sempre lavorato e mi sono dedicato alla famiglia”. Fino a quel giorno in cui era andato negli studi per “passare una serata diversa e divertirmi”.

Poi l’incidente e la vita cambiata: “Sono completamente privo di autonomia e dipendo totalmente da mia moglie Sabrina e mio figlio Simone per lo svolgimento di ogni atto quotidiano”. 

Sul fatto è ancora in corso un processo dove a finire nei guai ci sono quattro dirigenti accusati dal pm Alessia Miele di lesioni gravissime perché i rulli del gioco sarebbero stati resi “scivolosi” per aggiungere maggiore difficoltà alla prova. 

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

Paolo Bonolis

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 13-06-2022


Ornella Muti di nuovo nonna ma non mostra il nipote: “I neonati vanno protetti dai social”

“Mi ha augurato la morte”: messaggio shock a Uomini e Donne