Nasce la “renting economy”, un tipo di economia basata su affitto e noleggio di quasi ogni cosa: sarà l’economia del futuro.

Affitto a breve o lungo termine, leasing, noleggio, sharing, condivisione. Da tempo ormai siamo entrati, consapevolmente o meno, in una fase della nostra economia in cui si tende a prendere sempre più in considerazione l’idea di un affitto piuttosto che di un acquisto definitivo, e solitamente per ragioni facilmente intuibili, come nel caso delle automobili e dei mezzi di trasporto in generale. Una vita a noleggio è quello che ci aspetta? La risposta è forse. Perché il concetto di “renting economy”, ancora tutto da definire, sta prendendo corpo anno dopo anno e la sensazione è che possa essere ben presto accettato da tutti.

La definizione di “renting economy”

Sembrano davvero così lontani i tempi del boom economico, di quella ripresa post seconda guerra mondiale in cui il neoliberismo e il concetto di proprietà privata avevano avuto la meglio, con conseguenze non per forza positive, soprattutto a livello di impatto ambientale. Se un tempo la certezza era data dal possesso, oggi, sempre più, cerchiamo la flessibilità, sia nel lavoro che nell’acquisto, che per questo motivo diventa un più agile noleggio.

Contratto di affitto
Contratto di affitto

Ed è proprio su questi presupposti che si basa la nascente “renting economy”, l’economica degli affitti, quella in cui è possibile sostanzialmente noleggiare qualunque cosa, dagli scooter alle lavatrici. Una piccola grande svolta che ha preso piede a partire dai possessori di auto, specialmente in Italia. Le ricerche di mercato ormai confermano il trend di passare dall’acquisto al noleggio di una vettura, che porta con sé diversi benefici, tra cui la mancanza di svalutazione, la possibilità di cambiare spesso auto per poter avere sempre un modello nuovo e anche la possibilità di poter avere comprese nel canone le spese di manutenzione.

Ma se il leasing auto è una realtà di cui eravamo bene o male già a conoscenza, non tutti sanno che ormai si può noleggiare molto altro, dagli smartphone alle biciclette, dai televisori alle consolle. Insomma, una vita in affitto è oggi più possibile che mai. Ma siamo pronti ad accoglierla?

Tutto in affitto: la risposta del mercato

Se a quanto pare sempre più persone sarebbero pronte a rinunciare al possesso per noleggiare (secondo un ultimo sondaggio di Findomestic addirittura la metà degli intervistati accetterebbe l’affitto di un’automobile), resta da capire come il mercato sta reagendo a questa nuova tendenza.

La risposta ce la danno alcuni primi esempi di novità, come il lancio di una lavatrice che si paga per utilizzo. In sostanza non si acquista, ma attraverso un canone si pagano i lavaggi fatti, il detersivo e anche la manutenzione. Insomma, anche il mondo e l’industria sta cambiando la propria prospettiva, consapevole dei benefici di un’economia basata sul noleggio, che permetterebbe meno sprechi, e non solo di denaro.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 04-07-2022


Come costruire una casa sull’albero: materiali e avvertimenti

Cosa significa creepypasta?