Regioni in zona gialla dal 6 settembre: quali sono le regioni italiane a rischio dopo il ritorno in giallo della Sicilia.

In Italia si torna a cambiare colore. Già da questa settimana una regione, la Sicilia, è passata dalla zona bianca, che ci ha accompagnati per quasi tutta l’estate, alla zona gialla. E presto potrebbe non è essere più l’unica. I dati che il 3 settembre saranno valutati dalla cabina di regia potrebbero infatti far cambiare il destino di altre regioni già a partire dal 6 settembre. L’attenzione sarà rivolta soprattutto all’occupazione dei posti letto in terapia intensiva e in area medica, e visto il trend degli ultimi giorni il rischio è forte per diverse regioni.

Regioni in zona gialla dal 6 settembre

Vale la pena ricordare che dallo scorso maggio per entrare in zona gialla i parametri sono cambiati, ed è necessario superare il limite del 10% di posti letto occupati in terapia intensiva e del 15% in area medica. Questi due dati fondamentali vengono osservati nel monitoraggio dell’Istituto superiore di sanità. E stando alle ultime proiezioni c’è almeno un’altra regione che rischia seriamente il passaggio nella prima zona di emergenza.

Multe per Coronavirus
Multe per Coronavirus

Il 31 agosto il portale Agenas aveva sottolineato come in Sardegna i posti in terapia intensiva fossero occupati per il 13% e quelli in area medica per il 15%. Stando così le cose, l’altra grande isola italiana tornerebbe ad essere gialla. Resta da vedere se il dato riportato fosse preciso o approssimato. Per quanto riguarda le altre regioni, a rischio ci sarebbe anche la Calabria, che da giorni è ferma al 9% per la terapia intensiva, mentre per i posti in area medica è al 18%. Ma la situazione più grave continua ad essere quella della Sicilia, arrivata al 23% per i posti in reparto e al 14% in terapia intensiva. L’ombra della zona arancione si fa sempre più minacciosa (sono necessarie percentuali del 20% e del 30%).

Le regole della zona gialla

Ma cosa cambia con il passaggio in zona gialla? La differenza non è grande, ma ovviamente sono presenti più regole e restrizioni. Non ci sono vincoli per quanto riguarda gli spostamenti o il coprifuoco, come ricordato sul sito del governo, e le attività rimangono tutte aperte, con l’eccezione delle discoteche. Ma la grande differenza è che in zona gialla, rispetto alla zona bianca, torna l’obbligo di mascherina anche all’aperto. Inoltre, nei ristoranti torna il limite di sei persone se conviventi e di quattro se non si è conviventi.

coronavirus

ultimo aggiornamento: 03-09-2021


Salone del Mobile 2021: quando sarà, quanto costano i biglietti e come si accede

Dentifricio: a cosa servono i quadrati colorati che compaiono sul tubetto?