Pensando al partner si combatte il calo di zuccheri

Un’interessante notizia per chi è soggetto a cali di zucchero: pensare al proprio partner aiuta ad aumentare il glucosio nel sangue.

chiudi

Caricamento Player...

Chi soffre di cali di zuccheri ed ha un partner al suo fianco, non ha nulla da temere.

Un gruppo di psicologi della University of Western Ontario, in Canada, ha scoperto che meditare sul proprio lui o lei incrementa il livello di glucosio nel sangue, perciò combatte il calo di zuccheri.

I ricercatori canadesi hanno concentrato il loro studio su 183 volontari. I partecipanti sono stati esaminati prima e dopo che fantasticassero sui partner per sei minuti. I dati così raccolti hanno consentito di rilevare un incremento di glucosio nel sangue, oltre ad un miglioramento dell’umore. Al contrario, quando i volontari hanno pensato ad un particolare momento routinario della giornata o ad una persona amica, i ricercatori hanno registrato un lieve calo dei livelli di glucosio, mentre l’umore non è mutato.

Dallo studio è emerso che, se si pensa per sei minuti al proprio partner, aumenta il livello di glucosio nel sangue e migliora l’umore, anche se per poco.

Sarah Stanton, coordinatrice dello studio, ha spiegato:

“Pensare al proprio partner aumenta i livelli di cortisolo, l’ormone dello stress e ciò può stimolare la produzione e il rilascio di glucosio nel corpo. Inoltre, può aumentare il rilascio di adrenalina che contribuisce pure lei al rilascio del glucosio”.

Si pensi alla soluzione anche in termini di salute più in generale. Molto spesso chi è soggetto ad un calo degli zuccheri ricorre ad alimenti dannosi che contengono grassi e calorie in eccesso. Oggettivamente, fantasticare sulla nostra dolce metà è senz’altro meno nocivo di una merendina.

Se non si ha un partner? La ricerca non offre spunti, tuttavia ci sembra plausibile tentare altre soluzioni come fantasticare sulla propria squadra del cuore o magari sull’auto dei nostri sogni, o una vacanza che da tempo vorremo fare.