Si è spento a 64 anni Paolo Rossi, eroe del Mondiale del 1982. L’annuncio è stato dato dalla moglie via social.

Il mondo del calcio piange Paolo Rossi, il campione che nel 1982 fece conquistare agli italiani la coppa del mondo. Rossi aveva 64 anni e da tempo era stato colpito da un tumore ai polmoni. La sua scomparsa è stata annunciata dalla moglie Federica Cappelletti attraverso un post sui social in cui ha scritto: “Per sempre”.

Paolo Rossi è morto: il lutto

Il mondo del calcio piange Paolo Rossi, il grande campione che nel 1982 “fece piangere il Brasile” portando gli Italiani verso la conquista del Mondiale. “I miei tre gol al Brasile, in quel fantastico, indimenticabile tre a due, sono il fiore all’occhiello della mia vita di calciatore. Un ricordo che non si cancellerebbe neanche a distanza di un milione di anni“, rivelò lui stesso nella sua autobiografia Ho fatto piangere il Brasile.

Paolo Rossi
Paolo Rossi

Rossi era da tempo affetto a un male incurabile – vissuto sempre nel massimo riserbo – e si è spento nella notte del 9 novembre 2020. A dare il tragico annuncio della sua scomparsa è stata la moglie, Federica Cappelletti, e tra i commenti al suo post si sono riversati con messaggi di dolore e cordoglio fan da tutto il mondo.

I successi nel calcio e la famiglia

Pur essendo considerato un’icona del mondo del calcio, Paolo Rossi ha sempre vissuto con riserbo la propria vita privata. Le sue gesta al mondiale del 1982 sono rimaste nella storia del calcio e certamente lo hanno consacrato al firmamento dei grandi campioni italiani (è stato uno dei soli quattro calciatori ad aver vinto il Pallone d’Oro).

Dopo il suo ritiro dal campo da calcio Paolo Rossi aveva lavorato come opinionista calcistico per i canali Sky e Mediaset. Insieme a sua moglie Federica aveva avuto tre figli: Sofia Elena, Maria Vittoria e Alessandro.

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Silvia Provvedi scrive al compagno in carcere: “Nonostante tutto…”

Paura per George Clooney: ricoverato d’urgenza in ospedale!