Quando avrà termine la pandemia da Covid? Il parere degli esperti sugli effetti delle vaccinazioni a livello mondiale nel medio e lungo termine!

Nel bel mezzo della terza ondata, con mezza Europa in lockdown, il mondo intero sembra pronto per accelerare nella campagna vaccinale. E ormai, a più di un anno dall’inizio della pandemia, c’è chi inizia a interrogarsi seriamente su quando terminerà quest’emergenza globale. Basteranno i vaccini a farci ritornare alla normalità? Quando finirà la pandemia da Covid? Ecco il parere degli esperti.

Quando finirà la pandemia Covid secondo gli esperti

Il termine della pandemia, con tutta probabilità, sarà dettato dagli effetti delle vaccinazioni in tutto il mondo, Italia compresa. Se nel medio termine riuscissero ad abbattere non solo i decessi, ma anche e soprattutto le ospedalizzazioni, azzerando o quasi le dinamiche di trasmissione e di contagio, la situazione potrebbe tornare sotto controllo prima del previsto. Ma certezze non esistono.

Infermiera coronavirus
Infermiera coronavirus

Già i primi dati riguardanti le vaccinazioni sembrano comunque positivi. Il numero dei contagi sembrerebbe destinato a ridursi, ma non si potrà mai avere la certezza al 100%. Secondo gli studi disponibili, una percentuale che varia tra il 5 e il 15 dei vaccinati può sviluppare sintomi leggeri anche dopo la vaccinazione, e quindi continuare a essere veicolo di trasmissione del virus. E questo è un fattore che non fa propendere per un ottimismo assoluto.

Vaccino Covid-19
Vaccino Covid-19

Mentre siamo probabilmente arrivati al picco della terza ondata, gli esperti indagano dunque su quale sarà il futuro del virus. Se le varianti costituiscono attualmente un motivo di grande preoccupazione, in molti sostengono che il virus potrebbe indebolirsi notevolmente nel medio termine. Secondo una ricerca dell’università di Atlanta e Pennsylvania pubblicata sulla rivista Science, addirittura le mutazioni del virus lo faranno diventare presto da pandemico a endemico.

Il Covid diventerà endemico?

Con la somministrazione dei vaccini e il distanziamento sociale, entro un anno potremmo raggiungere uno stato endemico lieve“, ha spiegato a Quotidiano sanità Jennie Lavine, principale autrice della ricerca americana. In sostanza, entro un anno il Covid potrebbe diventare qualcosa di molto simile a un raffreddore o a un’influenza.

Ma questa è un’ipotesi ottimistica che non deve indurci ad abbassare la guardia. Già negli scorsi mesi circolavano infatti teorie di questo genere, ma le previsioni degli Stati Uniti di un ritorno alla normalità sono stati ripetutamente posticipate, arrivando attualmente a Natale 2021.

Persone allarme coronavirus
Persone allarme coronavirus

Secondo gli esperti, è dunque possibile ipotizzare anche nei prossimi mesi uno scenario di convivenza con il virus, con le consuete precauzioni, nonostante le vaccinazioni. E qualche volta potrebbe ancora essere necessario optare per delle chiusure. La sensazione è però che nel giro di pochi mesi potrebbero non essere più richieste misure di eccessiva severità, specialmente se continueranno le vaccinazioni di massa, a prescindere dal tipo di vaccino, che sia AstraZeneca o Johnson & Johnson.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 22-03-2021


Smart working e consumi: ecco come ridurli e risparmiare sulla bolletta

Pasqua Fashion? Con Federico Fashion Style e il suo uovo di Pasqua