Palestre e piscine aperte, c’è l’ok del Cts: ecco tutte le regole da seguire, dalle lezioni individuali alla distanza minima tra le persone di due metri.

L’incubo terza ondata preoccupa ancora gli esperti, ma l’Italia sta intanto cercando di avviarsi verso una fase di semi-normalità. Dopo l’allargamento della zona gialla a inizio febbraio, il Cts ha dato il via libera anche alla riapertura di alcune attività. Tra queste anche palestre e piscine, ormai chiuse da mesi. I tecnici del comitato hanno dato il proprio consenso al protocollo stilato dal ministero dello Sport, con tante regole rigide da seguire per poter ottenere la riapertura. Ecco quali sono le più importanti.

Palestre e piscine aperte in zona arancione e gialla

La preoccupazione per le aggregazioni all’interno degli impianti sportivi resta molto importante, ma il ministero dello Sport e il Cts ritengono sia altrettanto importante il ritorno alle attività fisiche. Per questo è stato stilato un protocollo che adesso attende solo di essere validato dal nuovo governo.

Palestra mascherina donna
Palestra mascherina donna

Stando a quanto riferito da La Stampa, anche per palestre e piscine ci sarebbero diverse misure da attuare a seconda del colore della zona. Nelle aree rosse rimarrebbero chiuse tutte le strutture, mentre in quelle arancioni sono previste lezioni individuali, attività sportive dilettantistiche non di squadra, attività sportive di contatto e sport di squadra ma soltanto in forma individuale. Apertura anche per la danza e le attività sportive per i bambini iin età scolare. Saranno invece più larghe le maglie in zona gialla. Oltre alle attività permesse anche in quelle arancioni, sono infatti consentiti anche gli allenamenti per gli sport da contatto e di squadra dilettantistica e di base.

Palestre e piscine aperte: le regole

L’igiene in palestra resta fondamentale. Per poter riprendere le attività sono però necessarie alcune regole di base cui bisognerà adeguarsi strettamente. Dove saranno consentiti allenamenti collettivi bisognerà mantenere le distanze di sicurezza di almeno due metri. Dieci invece i metri di distanza da mantenere in piscina.

Resta invece il divieto assoluto dell’utilizzo delle docce, introdotto già un anno fa. Vanno poi sanificati sempre gli attrezzi da parte di chi ne fa uso, il tutto con un prodotto igienizzante che dovrà essere fornito dalla palestra. Vietato lasciare indumenti indossati durante l’attività fisica in luoghi condivisi, mentre è solo consigliato l’utilizzo di tappetini personali. Qualora si scegliesse di utilizzare quelli comuni bisognerà comunque igienizzarli prima e dopo l’uso.

allenamento pesi palestra kettlebell
allenamento pesi palestra kettlebell

Obbligo di mascherina per gli allenatori e per gli operatori delle palestre, mentre la quantità di dispenser variererà a secoonda della superficie dei locali o in funzione del numero di utenti potenziali.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 09-02-2021


Leandra Medine Cohen ribalta il tabù delle mestruazioni

I fratelli Reuben comprano il Baglioni Hotel Luna di Venezia