Il 38enne Emanuele Impellizzeri si è tolto la vita nel carcere di Verona: oggi avrebbe dovuto essere interrogato per l’omicidio di Chiara Ugolini.

Emanuele Impellizzeri era stato fermato il 6 di settembre mentre, a bordo della sua motocicletta, fuggiva da Calmasino. Le forze dell’ordine riuscirono a intercettarlo presso il casello di Firenze Impruneta lungo il tragitto dell’Autostrada del Sole. L’uomo stava tentando di fuggire verso Roma. Il 38enne, arrestato quindi con l’accusa di aver ucciso la sua vicina di casa Chiara Ugolini, si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere alle domande dei magistrati. Negli ultimi giorni era stato trasferito dal carcere fiorentino di Sollicciano a quello veronese di Montorio, dove oggi avrebbe dovuto sostenere un altro interrogatorio.

L’uomo, tuttavia, ha deciso di impiccarsi nella sua cella prima di dover affrontare nuovamente le domande degli inquirenti. Il corpo è stato ritrovato intorno alle ore 5:30, e a dare la notizia è stato il segretario nazionale della Uilpa Polizia Penitenziaria, Gennarino De Fazio.

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 28-09-2021


Il fratello di Saman accusa un cugino: “Ha detto: getto il corpo a pezzi nel fiume”

Poliziotta no vax invita a ribellarsi al green pass: ora rischia il licenziamento