Sapevate che il nome Negramaro deriva da un vitigno del Salento? Scopriamo alcune curiosità sulla band pop rock capitanata da Giuliano Sangiorgi!

Nati nel Salento, i Negramaro sono uno dei gruppi pop rock più apprezzati e seguiti nel panorama musicale italiano. Dal loro debutto nel 2001 la band si è fatta apprezzare e conoscere con una serie di album e hit di successo, basti pensare a canzoni come Estate, Solo3min, Parlami d’amore, L’immenso, Sei tu la mia città e Amore che torni.  Scopriamo cosa c’è da sapere sul gruppo che hanno preso il loro nome da un vino: dalla crisi, e il ritorno, fino al brutto incidente del chitarrista Lele Spedicato.

Negramaro: Amore che torni, la crisi e altre curiosità sulla band

• La band prende il nome dal vitigno Salentino di Negramaro, da dove provengono tutti i componenti della band. Il nome del vino, Negro Amaro, è stata la loro influenza principale.

Negramaro
Negramaro

• Hanno avuto la loro prima “crisi” dopo 15 anni di lavoro, e per due mesi hanno scelto di non sentirsi. L’hanno poi superata pubblicando Amore che torni: Giuliano Sangiorgi si recò da Andrea Mariano per fargli ascoltare alcuni brani e il tastierista si commosse, svelandogli che sarebbe diventato papà di una bambina. Alla figlia di Andrea hanno dedicato la canzone Sole.

• I membri dei Negramaro si sono conosciuti sui banchi universitari e si considerano “una famiglia”. La loro formazione è sempre rimasta invariata, e la band è composta da un gruppo di veri amici, tutti proveniente dal Salento. I loro nomi sono: Giuliano Sangiorgi, Emanuele Spedicato, Ermanno Carlà, Andrea Mariano, Andrea De Rocco e Danilo Tasco.

• Sulla loro pagina Instagram pubblicano spesso foto in compagnia di altri artisti a cui sono molto legati, tra questi Laura Pausini, Noemi, Elisa e Niccolò Fabi.

• Sono tutti tifosi del Lecce e abitano tutti nel Salento. Non è noto il loro patrimonio.

• Quando devono lavorare si ritirano nella loro Casa 69 (che ha dato il nome all’album omonimo). Tra di loro il più bravo a cucinare è Giuliano Sangiorgi, che spesso prepara il pranzo o la cena per tutti:

“Io adoro cucinare e mi piace farlo per tante persone. Quindi, se colleghi e amici passano dalla nostra masseria, io mi metto ai fornelli. Ho cucinato anche per Paul Simonon dei Clash, una leggenda del rock che era venuto a trovarci per passare un pomeriggio a suonare con noi.” Ha raccontato a Panorama il cantante.

I nomi dei loro album sono: Negramaro (2003), 000577 (2004), Mentre tutto scorre (2005), La finestra (2007), Casa 69 (2010), La rivoluzione sta arrivando (2015) e Amore che torni (2017).

Lele Spedicato: il malore e la vicinanza del gruppo

Lele Spedicato dei Negramaro (il chitarrista) è stato colto da un malore improvviso nel settembre 2018. Si trattava di un’emorragia cerebrale, che ha lasciato sgomenti i fan e gli altri membri del gruppo. Questi ultimi hanno dovuto interrompere il tour tra febbraio e marzo 2019.

Fortunatamente Lele è riuscito a rimettersi, dopo molte settimane in rianimazione all’Ospedale Vito Fazzi di Lecce, ma ha raccontato a Il Corriere della Sera quanto segue: “Sentivo qualcosa dentro che non riuscivo a riconoscere: era la paura di non sapere perché fosse successo, del fatto che potesse ricapitare. Ho visto l’aldilà. Mi sono ritrovato in un giardino, c’era un cancello e un ulivo. Nella mia testa c’era tutto, ma era come se ci fosse un muro prima delle mani. Sono tornato indietro di 25 anni. Sono ripartito da zero“.

View this post on Instagram

Che volto ha la felicità?

A post shared by negramaroofficial (@negramaroofficial) on

I Negramaro hanno fatto sentire molto la loro vicinanza, soprattutto attraverso i social e al suo rientro sul palco.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
Giuliano Sangiorgi negramaro

ultimo aggiornamento: 20-12-2019


Nino D’Angelo: tutte le curiosità, dai gelati…al primo incontro con l’amore!

Chi è Antonio Conte, l’allenatore dell’Inter (che fu acquistato in cambio di 8 palloni)