Martina Colombari contro Ilary Blasi: l’ex Miss Italia senza peli sulla lingua

Martina Colombari si scaglia contro le dichiarazioni di Ilary Blasi e confessa: “Ilary Blasi dura con Spalletti, con Billy non mi sono mai permessa”

chiudi

Caricamento Player...

L’ex Miss Italia 1991 Martina Colombari, in un’intervista al “Corriere della Sera”, ha parlato delle dichiarazioni che Ilary Blasi qualche settimana fa ha rilasciato su Luciano Spalletti. La moglie del grande calciatore Billy Costacurta anche se fa parte del mondo del mondo dello spettacolo non ha mai rilasciato dichiarazioni riguardo la vita professionale del marito. Ilary Blasi invece, in un’intervista alla “Gazzetta dello Sport” ha definito l’allenatore della Roma un “piccolo uomo”.

Martina prende le distanza dalle dichiarazioni di Ilary Blasi

“Non mi sono e non mi sarei mai permessa di intervenire nella vita professionale di mio marito… Detto questo, è ovvio che in casa capitava di commentare le scelte dell’allenatore piuttosto che della società. Ma non mi sono mai esposta per rispetto di mio marito, perché non capisco nulla di calcio e perché comunque sai che poi ci sono delle conseguenze.

Ecco, io credo che la mattina dopo l’intervista in casa Totti non c’era la stessa serenità del giorno precedente… C’è poi chi dice che sia stata una trovata pubblicitaria per promuovere il Grande Fratello, io però penso che Ilary sia una ragazza intelligente che sa gestire certe situazioni. Certo che la frase che ha rivolto a Spalletti era tosta.”

La conduttrice del “Grande Fratello Vip” raccontando la guerra fredda tra Spalletti e Totti aveva dichiarato:

“Non critico la scelta tecnica, critico il comportamento umano, e Spalletti è stato un uomo piccolo. Punto. È la verità. Lui a parole ha detto anche delle cose stupende, ma a parole. Invece lo subisce.

Le scelte calcistiche sono opinabili ma non si discutono, di quello non mi impiccio, però forse avrei qualcosa da ridire a livello umano, sulla persona. Pallotta? Con i Sensi aveva un altro tipo di rapporto, era un figlioccio, ma quella era una conduzione più familiare, mentre questa più imprenditoriale.”