Marco Carta è stato assolto dal reato di furto. Il cantante era stato accusato di aver rubato sei magliette, alla Rinascente di Milano, dal valore di 1200 euro.

Dopo mesi di indagini Marco Carta, finalmente, è stato assolto. L’ex vincitore di Amici di Maria De Filippi era stato accusato di aver rubato delle magliette, lo scorso 31 maggio, presso la Rinascente, per un valore di 1200 euro. Oggi è giunta la sentenza definitiva che ha scagionato Marco da tutte le accuse “per non aver commesso il fatto”.

Marco Carta assolto

Il giudice del Tribunale di Milano, Stefano Caramellino ha assolto Marco Carta da tutte le accuse. L’ex allievo della scuola di Amici, infatti, era stato accusato di furto alla Rinascente e nonostante il cantante si fosse dichiarato innocente, ci sono voluti 5 mesi per mettere la parola fine a tutta questa vicenda.

Il pm Nicola Rossato, invece, ha chiesto per il cantante otto mesi di carcere e una multa da 400 euro. Da fonti giudiziarie, inoltre, si apprende che il pm è pronto a impugnare la sentenza di assoluzione “per non avere commesso il fatto”.

MARCO CARTA
MARCO CARTA

Marco Carta è innocente

A commentare la lieta notizia ci hanno pensato i difensori di Marco Carta, Simone Ciro Giordano e Massimiliano Annetta:

“Marco Carta è innocente, e ora lo possiamo dire ad alta voce. É stata una vicenda minimale, ma la notorietà aiuta e spero che possa essere d’aiuto a tutti per capire che i processi si fanno nei tribunali. [..] La difesa aveva sempre portato avanti una linea il signor Carta ha sempre dichiarato la sua innocenza, oggi un giudice ha acclarato ciò e la questione per noi è chiusa qui. Se la procura impugnerà la sentenza, ci rivedremo in Corte d’Appello. Il dato è talmente certo che siamo sicuri che la vicenda finirà qui”.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
assolto furto Marco Carta rinascente

ultimo aggiornamento: 31-10-2019


Francesco Nozzolino, l’annuncio in diretta: “Ho deciso di operarmi”

Elena Santarelli fuori dal tunnel di dolore: ma il mondo social non perdona…