Mank racconta la storia dello sceneggiatore Herman J. Mankiewicz: è un piccolo capolavoro diretto da David Fincher in arrivo su Netflix.

E’ dal 2014 che non esce un film diretto da David Fincher, da quando nel 2014 è arrivato nelle sale cinematografiche L’amore bugiardo – Gone Girl. Dopo una pausa di sei anni dai lungometraggi, nel frattempo ha proseguito il suo lavoro di regista e produttore per le serie TV, David Fincher torna con Mank, pellicola che racconta la storia dello sceneggiatore Herman Mankiewicz e di come ha scritto il suo capolavoro, Quarto Potere. Mank è un film che è destinato a far parlare molto di sé, un altro piccolo capolavoro del regista statunitense.

Mank: quando esce e trama

E’ possibile vedere Mank da sabato 5 dicembre: è questo infatti il giorno scelto da Netflix per il rilascio della pellicola sulla piattaforma streaming.

Gary Oldman
Gary Oldman

Nel film vediamo Mank e la sua segreteria, Rita Alexander, lavorare giorno e notte per scrivere a sceneggiatura di Quarto Potere. Con loro c’è anche un’infermiere, che passa di nascosto alcolici e sedativi allo sceneggiatore, un uomo deluso dalla vita, trascurato, che sente di non avere più nulla da perdere.

La pellicola si sviluppa su vari piani, grazie ai numerosi flashback, che riportano il protagonista ad alcuni momenti del suo passato e a incontri che prende come spunto proprio per Quarto Potere.

Mank: il cast del film

A interpretare il ruolo del protagonista, Mank, è Gary Oldman. L’attore, già vincitore nel 2018 del Premio Oscar per la straordinaria interpretazione di Winston Churchill ne L’ora più buia, si ripete con un’altra prova attoriale di primissimo livello.

Al fianco di Gary Oldman, troviamo, nei panni della segretaria Rita Alexander, Lily Collins, attrice che di recente ha assunto la ribalta grazie alla serie TV Emily in Paris (sempre su Netflix) di cui è la protagonista principale.


Una violoncellista suona sui tetti di Parigi in lockdown: ecco il video che ha commosso la Francia

Hold Up spopola in Francia: è il film negazionista sul Covid che piace anche a Sophie Marceau