L’ex modella Linda Evangelista si mostra per la prima volta dopo che è stata sfigurata da diverse operazioni chirurgiche.

Un tempo era una delle donne più fotografate al mondo: Linda Evangelista è stata una vera icona degli anni ’90, poi sparita a causa di alcuni interventi che purtroppo le hanno sfigurato diverse parti del corpo.

La top model Linda Evangelista vive in isolamento da quasi cinque anni, ma ora è finalmente pronta per condividere la sua storia. Sul nuovo numero di People, infatti, l’ex modella si è raccontata e inoltre ha posato per nuove foto che la mostrano per la prima volta dopo il trauma che ha vissuto.

Linda Evangelista, 56 anni, parla del dolore emotivo e fisico che ha gettato un’ombra sulla sua vita negli ultimi anni, dopo aver affermato che CoolSculpting (una procedura di congelamento dei grassi) l’ha lasciata permanentemente sfigurata.

Ecco le sue parole: “Mi è piaciuto molto stare in passerella. Ora ho paura di imbattermi in qualcuno che conosco. Non posso più vivere così, nascondendomi e vergognandomi. Semplicemente non potrei più vivere in questo dolore. Sono disposto a parlare finalmente”

Entro tre mesi dai trattamenti, la donna ha iniziato a notare rigonfiamenti sul mento, sulle cosce e sulla zona del reggiseno. Le stesse aree che aveva voluto rimpicciolire stavano improvvisamente crescendo e diventando più dure, poi improvvisamente sensibili:

“Ho cercato di aggiustarle da sola, pensando di fare qualcosa di sbagliato. Sono arrivata al punto che non mangiavo più. Pensavo di perdere la testa”

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 16-02-2022


Giorgia Soleri sbotta contro alcuni fan dei Maneskin: “Odio su odio, troppi giudizi”

Giovanna Civitillo parla di Amadeus: “Tra noi c’è ancora la scossa…”