Design in casa: linea Tolomeo di Artemide

In ogni casa c’è una lampada da tavolo a pantografo, la classica iconica lampada da lavoro con il braccio snodabile e la luce direzionabile, dalle linee moderne, ma allo stesso tempo classica che si abbina a qualsiasi ambiente di studio o lavoro. Pochi sanno che la lampada a pantografo più venduta di sempre appartiene alla linea di lampade Tolomeo di Artemide. Una storia recente, ma allo stesso tempo già storica e di grande successo.

Lampadario
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/luce-lampadari-la-luce-artificiale-2632266/

Come nasce la lampada Tolomeo di Artemide

Nel 1986, il designer Michele de Lucchi insieme a Giancarlo Fassina disegnano per Artemide – fabbrica milanese di prodotti per l’illuminazione – una lampada da tavolo che si pone la sfida ambiziosa di confrontarsi con un’altra celebre lampada prodotta nel 1933 dall’azienda norvegese Naska Loris per la FontanArte oppure la Luxo del 1937 disegnata da Jac Jacobsen che ha ispirato il logo della Pixar.

La novità introdotta dalla Naska Loris norvegese erano le molle di acciaio che permettono di regolare e bilanciare la lampada e fermarla nella posizione desiderata. De Lucchi sostituì le molle con cavi e giunti di acciaio che tengono la lampada in tensione, una soluzione che unita all’alluminio come materiale di predilezione conferì all’oggetto leggerezza oltre a ridurre i costi di produzione e di conseguenza rendere la lampada un oggetto di larga diffusione. Il successo fu pressoché immediato e da allora, la Tolomeo di Artemide è la lampada da tavolo più venduta in Italia. Nel 1989, la Tolomeo di Artemide viene premiata con il compasso d’oro ADI come arredo hi-tech dalle linee sobrie ed eleganti coniugando tecnologia e design.

Il committente della Tolomeo è Ernesto Gismondi, fondatore con Sergio Mazza, della fabbrica Artemide nel 1959. In oltre 60 anni di attività, la linea della Tolomeo di Artemide è quella che riscontra maggior successo e si è allargata in una famiglia di lampade di straordinaria fattura. Il nome “Tolomeo” fu attribuito pensando al noto personaggio storico, astronomo e matematico, che si addiceva particolarmente all’idea di innovazione tecnologica e scientifica che ha ispirato le linee e le funzioni della lampada.

La linea della Tolomeo di Artemide

Nei trenta anni successivi il lancio sul mercato della lampada, la Tolomeo di Artemide è diventata una famiglia di lampade declinata in tutte le versioni: da tavolo, da parete, da terra, a sospensione ed evolvendosi al passo delle nuove tecnologie dalle lampadine a fluorescenza al faretto alle luci a LED. L’azienda produce circa mezzo milione di oggetti per l’illuminazione l’anno. Il successo della linea è indubbiamente il design abbinato ai materiali e alla versatilità dell’oggetto. Probabilmente il successo è stato inaspettato rispetto alla sfida che ci si poneva, ma oggi è un oggetto di design desiderato e apprezzato anche in tutte le altre declinazioni. La linea Tolomeo di Artemide si compone di:

  • Lampade da tavolo: la lampada capostipite dal design inconfondibile continua a essere prodotta nelle linee e nelle soluzioni ormai “classiche”, molto ricercata per arredare studi, uffici e nelle case in cui è possibile allestire uno studiolo per studio o lavoro;
  • Tolomeo micro: è versione in dimensioni ridotte della Tolomeo da tavolo. Ideale per le stanze dei ragazzi per illuminare scrivanie e comodini;
  • Tolomeo Lettura: lampade da comodino o soprammobili ideali per la lettura, leggere e facili da spostare da una stanza all’altra o dove serve;
  • Tolomeo Mega: serie di lampade in versione professionale, over dimensionate a seconda delle esigenze;
  • Tolomeo a sospensione: linea di lampadari che riproducono lo stile e il design del paralume delle Tolomeo;
  • Tolomeo mini: varianti colorate e in versione ridotta della classica lampada a pantografo;
  • Tolomeo Faretto: l’evoluzione delle soluzioni per l’illuminazione da ufficio e domestica ha dato vita a una serie di lampade a faretto e LED;
  • Tolomeo a parete: lampade da fissare alla parete per creare punti luce nella casa direzionando la luce verso l’alto o verso il basso a seconda delle esigenze.

Le lampade sono tutte mobili, basculanti o a pinza, per mantenere fede all’idea originale di poter direzionare la luce dove necessario. La linea Tolomeo si allarga anche verso l’illuminazione da esterno. I colori più ricorrenti sono argento, nero e bianco e i materiali in cui sono realizzati i paralumi sono il metallo, il tradizionale acciaio, l’alluminio, ma anche la carta, la pergamena, la seta o il tessuto per la linea della lampada da terra.


La borsa, classica o moderna rimane sempre l’accessorio più desiderato

Chi è la segretaria di studio medico e di cosa si occupa