Con le vaccinazioni di massa, Lampedusa e Linosa saranno le prime isole italiane Covid free, ecco i dettagli sull’iniziativa.

Presto Lampedusa e Linosa potranno diventare le prime isole italiane Covid free. Il progetto portato avanti dal sindaco, Totò Martello, verrà esteso a tutte le isolette delle Sicilia e sarà un toccasana per il turismo estivo. L’idea è di procedere con le vaccinazioni a tappeto in modo da coprire tutta la popolazione. La proposta, partita dal sindaco di Favignana, è stata accolta con favore dal sindaco Martello che ha richiesto il via libera all’assessorato regionale alla Salute. Ottenuto l’approvazione si può procedere con la campagna vaccinale e risollevare al tempo stesso il settore turistico.

Gli obiettivi vaccinali delle isole Covid free

La campagna vaccinale a tappeto partirà quindi proprio da Lampedusa e Linosa, per essere estesa poi alle altre isole sicule minori. L’obiettivo è quello di riuscire a completare le vaccinazioni, coprendo almeno l’80% della popolazione, in tempo per l’estate per incoraggiare i turisti.

Vaccino Covid-19
Vaccino Covid-19

Attualmente la campagna di vaccinazione ha coinvolto 830 persone, di cui 150 a Linosa e 680 a Lampedusa. Appena sarà disposto l’elenco e si entrerà a pieno regime ci si augura di riuscire a vaccinare centinaia di persone al giorno. Finora sono state usate le stanze dei Poliambulatori, ma con l’avanzare della campagna le vaccinazioni saranno effettuate sfruttando la maggiore capienza della palestra del Liceo scientifico.

Incentivare il turismo con le campagne vaccinali

L’obiettivo è quello di poter ripartire in sicurezza, senza però tralasciare le misure che dovranno essere osservate in ogni caso anche dopo che gran parte della popolazione sarà stata vaccinata. Sarà, quindi, importante vaccinare chi avrà i maggiori contatti con i turisti, vale a dire lavoratori di bar, negozi, ristoranti e alberghi.

Lampedusa
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/lampedusa-isola-beach-turchese-2106911/

Allo stesso tempo, però “sarà necessario continuare ad osservare le disposizioni sanitarie”, come sottolineato dal sindaco stesso durante un’intervista a Repubblica. Per quanto riguarda i turisti in arrivo, invece, si dovrà pensare a delle misure adeguate.

Su questo punto, però, non si sa ancora come procedere anche se il sindaco si è detto favorevole ad un eventuale green pass vaccinale per i turisti. Trattandosi solo di una strada ipotetica, difficilmente si riuscirà a mettere in atto queste misure prima dell’arrivo dell’estate.


Solidarietà oltre le distanze con le uova di Pasqua solidali

DDI e la DAD: cosa vogliono dire e quali sono le differenze