La lallazione è il primo approccio del neonato verso l’apprendimento del linguaggio, vediamo che cos’è e quando inizia.

Con il termine lallazione si indica una delle fasi di apprendimento del linguaggio da parte dei bambini. Il termine lallazione si riferisce proprio alla ripetizione di coppie di vocali e consonanti (la-la, ta-ta, pa-pa e così via).

Queste prime fasi dell’apprendimento del linguaggio da parte dei bambini non seguono uno schema preciso e iniziano in un periodo soggetto a profonde variazioni da un bimbo all’altro. Vediamo qual è in genere il periodo di esordio e quanto dura questa fase di apprendimento.

Lallazione: a quanti mesi?

Il momento in cui il bimbo inizia a pronunciare le prime sillabe è vissuto con grande apprensione e attesa da parte di ogni genitore. In genere la lallazione nel neonato inizia intorno al quinto o sesto mese di vita, naturalmente però il periodo non è stringente.

Neonato che inizia a parlare
Neonato che inizia a parlare

Per questo motivo ci saranno bambini che inizieranno a pronunciare le prime sillabe ripetute già intorno ai quattro mesi e altri più avanti verso il settimo mese. In genere, questa tappa importante nello sviluppo del linguaggio si protrae poi per diversi mesi, fino all’incirca un anno. Dopo il primo anno poi il bimbo acquisisce sempre maggiore padronanza del linguaggio e inizia ad associare le paroline al loro significato. Questo processo avviene gradualmente e si riconoscono due periodi distinti che vengono raggruppati nella definizione di lallazione.

Lallazione: significato e fasi dell’apprendimento

Per il neonato pronunciare le prime sillabe e ripeterle in modo più o meno frequente non è una vera e propria forma di comunicazione. Il suo è più inteso come un modo per allenarsi e prepararsi a utilizzare il linguaggio per farsi capire dagli altri.

All’inizio il bimbo tenderà, quindi, a pronunciare sempre la stessa sillaba ripetuta (ad esempio ma-ma-ma) concentrandosi sulla pronuncia di una sola sillaba per volta. Questa prima fase della lallazione viene definita canonica, con l’avanzare dei mesi, però, il bimbo riesce a imitare sempre più suoni e inizia a combinare più sillabe tra loro (PA-TA). Questa fase più avanzata viene perciò definita variata e prevede la combinazione proprio di consonanti differenti. La lallazione è quindi solo un piccolo passo verso lo sviluppo del linguaggio del bimbo. Il passo successivo sarà quello di iniziare a pronunciare le prime parole e ampliare a mano a mano il suo vocabolario.


Da cosa è causata e quanto dura la sonnolenza in gravidanza?

Cosa succede durante il quinto mese di gravidanza?