Vi raccontiamo il suo vissuto sofferto prima della sua carriera da modello.

Un ragazzo bello, giovane, solare e divertente, questo è ciò che appare quando guardiamo Samy Youssef, modello egiziano e da questa sera nuovo concorrente del Grande Fratello Vip. Ma siamo sicuri che anche il passato del ragazzo sia tutto rose e fiori? A quanto pare no. Ecco qual è infatti la sua storia.

Tutto parte dalla sua infanzia: nato nel 1995 a Sharm-El-Sheik, sebbene nato da una famiglia che attraversava grandi difficoltà economiche, desidera sin da piccolo di lavorare nel mondo della moda. Tuttavia, già a 15 anni la sua vita si complica: suo padre, con la speranza di dargli un futuro migliore, decide di mandarlo in Italia su un barcone. Purtroppo il viaggio non ha un lieto fine per tutti i migranti a bordo. Infatti durante la traversata per il Mediterraneo, delle quaranta persone a bordo, se ne salvarono tre, tra cui Samy, che quindi riesce a sopravvivere e a raggiungere le coste della Sicilia.

Racconta lui stesso: “Arrivato a Catania ero spaesato, stanco, avevo affrontato un viaggio difficile su un barcone. Non conoscevo la lingua, non sapevo cosa fare. Appena arrivato a Roma, per fortuna ho incontrato alcuni ragazzi arabi che mi hanno offerto ospitalità per un giorno. Se non fosse stato per loro non so che fine avrei fatto. Dopo essermi presentato in caserma sono stato affidato a una casa-famiglia e mi sono messo a cercare lavoro.”

Nonostante quindi queste difficili premesse, il ragazzo non si è perso d’animo e ha cominciato la sua scalata verso il successo: dopo aver lavorato come modello, approda in tv come tentatore per la seconda edizione di Temptation Island. Stasera assisteremo invece al suo secondo approccio televisivo: sarà infatti uno dei nuovi concorrenti del Grande Fratello Vip. Non ci resta che augurare a questo giovane talento un grande in bocca al lupo per il suo futuro.

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 17-09-2021


Chiara Ferragni in lacrime davanti alla tv: ecco perché

Andrea Zenga spegne 28 candeline: un regalo speciale da parte di Rosalinda Cannavò