Da venerdì 16 ottobre è disponibile su Netflix La Revolution, la serie Tv che riscrive la storia della Rivoluzione Francese: ecco la trama e il cast.

La Rivoluzione Francese è stata una degli avvenimenti storici più importanti della storia del XVIII secolo. I fatti e gli eventi che portarono all’abolizione della monarchia assoluta, che hanno influito sulla storia di tutta Europa (e non solo), sono ora stati rivisti e rielaborati per una nuova produzione originale di Netflix: La Revolution. Gli episodi della prima stagione di questa serie TV sono disponibili sulla celebre piattaforma streaming da venerdì 16 ottobre. Vediamo ora tutto quello che c’è da sapere su La Revolution.

La Revolution: la trama della serie TV

Il protagonista principale di La Revolution è Joseph Guillotin, che non fu l’inventore della ghigliottina come spesso in maniera errata si crede (anche se prende il nome proprio da lui), ma fu il deputato che più di ogni altro ne propose l’utilizzo.

Netflix
FONTE FOTO: facebook.com/netflixitalia

Nella serie TV, però, il protagonista si contraddistingue perché scopre l’esistenza di un virus chiamato “Sangue blu” che porta i membri dell’aristocrazia e uccidere le persone appartenenti alle classi sociali più povere. Queste lunga serie di violenze nei confronti del popolo sarà, ne La Revolution, la molla che porterà alla Rivoluzione Francese.

La Revolution: il cast della serie TV

A vestire i panni del protagonista principale de La Revolution, Jospeh Guillotin, è Amir El Kacem, attore parigino famoso per lo più in patria. Al suo fianco troviamo però Gaia Weiss, nei panni di Marianne, attrice che abbiamo già potuto vedere all’opere in serie TV di successo come Vikings e I Medici, dove ha interpretato rispettivamente Porunn e Ippolita.

Nel cast de La Revolution trovano poi diversi altri attori e attrici francesi come Marilou Aussilloux, Laurent Lucas e Dimitri Storoge.

Fonte foto: facebook.com/netflixitalia

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
la revolution

ultimo aggiornamento: 17-10-2020


Coronavirus: la teoria dei 28 giorni

Facebook: oblio per i post che negano l’Olocausto. La decisione