La carriera di Iginio Massari

Dall’apprendistato al successo

chiudi

Caricamento Player...

Personaggio televisivo ormai presente in quasi tutti i programmi di cucina, Iginio Massari è prima di tutto un grande professionista. Nato a Brescia, è considerato un maestro dell’arte pasticcera senza eguali. Severo ed esigente, ha una conoscenza delle materie prime che gli permette di realizzare opere d’arte culinarie. Ma quando è ospite a Masterchef o in altre competizioni, parla raramente del suo percorso. Scopriamo quindi la carriera di Iginio Massari: come ha fatto ad aprire la sua pasticceria e a farsi un nome in questo settore.

La carriera di Iginio Massari agli inizi

La prima esperienza lavorativa di Iginio è avvenuta a 16 anni, quando ha lavorato in un panificio di Brescia. La passione per la pasticceria e la cioccolateria lo ha spinto verso la Svizzera, nei cantoni francesi. Qui, per quattro anni, il maestro Claude Gerber gli ha fatto da mentore rendendolo richiesto per la sua dedizione. Tornato in Italia, Iginio ha subito un incidente con la moto e per un po’ non ha potuto camminare. L’industriale alimentare Barzetti, però, lo ha voluto con sè a tal punto da mandare il fratello Luigi a prenderlo ogni giorno.

Le vittorie dopo la guarigione

Le esperienze successive di Massari sono state alla Bauli, dove si è istruito sulla pasta lievitata, e alla Star come dirigente tecnico. Nel 1971, insieme alla moglie, Iginio ha aperto la pasticceria Veneto che è diventata storica a Brescia. Da allora, i riconoscimenti sono stati tanti: Iginio ha istituito il Consorzio Pasticceri Bresciani, che presiede, e il primo campionato italiano di pasticceria. Ha fondato l’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani, e vinto vari premi alla qualità come la Medaglia d’oro per i migliori biscotti italiani all’olio d’oliva. Ha inoltre allenato la squadra italiana di pasticceria alla Coppa del Mondo, portando il team alla vittoria.

Fonte foto: https://www.facebook.com/IginioMassari/