Vi raccontiamo qualcosa di più sul live-action La Bella e la Bestia. Uscito nel 2017, si è rivelato un campione d’incassi, non senza polemiche.

Il film La Bella e la Bestia remake live action dell’omonimo film del 1991, andrà in onda, per la prima volta in chiaro, su Rai 1 il 25 dicembre 2019, in prima serata.

Questa pellicola avuto un successo planetario, tanto da arrivare a superare la soglia del miliardo di dollari d’incasso. Ma non è tutto, vanta un cast di tutto rispetto formato ad esempio da Emma Watson nel ruolo di Belle, Kevin Kline (Maurice) ed Emma Thompson (Mrs Bric).

La Bella e la Bestia: trama

La storia non cambia molto da quando da quella messa in scena dalla Walt Disney nel 1991.

La Bella e la Bestia
La Bella e la Bestia

È il diciottesimo secolo, in Francia. Un principe egoista e meschino si ritrova ad essere mutato in una bestia da una fata, a causa del suo brutto carattere. L’incantesimo potrà rompersi solo se una ragazza si innamorerà di lui, ma “Con il passare degli anni il principe cadde in preda allo sconforto e perse ogni speranza… chi avrebbe mai potuto amare una bestia?”

Il destino, però, è strano. Il cammino del principe, si incrocerà con quello di Belle, una ragazza dinamica e intelligente, desiderosa di scappare da una vita noiosa e monotona.

La Bella e la Bestia: 10 curiosità sul live-action con Emma Watson

Siete sicuri di sapere davvero tutto su questo film? Le principesse Disney hanno sempre avuto un certo fascino, ma l’intelligenza di Belle, e il suo grande cuore, sono fonte d’ispirazione per ogni bambina.

• Il regista della pellicola è Bill Condon e in un primo momento non aveva nessuna intenzione di lavorarci su. Quando la Disney gli propose di dirigerlo, il regista espresse seri dubbi a riguardo.

La Bella e la Bestia
Fonte foto: https://www.imdb.com/title/tt2771200/

• Sono stati introdotti alcuni cambiamenti sul personaggio di Gaston per renderlo più realistico. È per questo che, in questa versione de La Bella e la Bestia, viene rappresentato come un eroe di guerra, dal carattere piuttosto irascibile, che è stato capace di difendere e salvare il suo paesino dall’assalto degli invasori.

• Come per Gaston, anche il personaggio di Le Tont è stato modificato. Nella versione originale, spesso veniva picchiato ed era una figura prettamente comica. In questo frangente, il regista ha pensato di renderlo più equilibrato e con un animo profondo.

• Le Tont è passato alla storia per essere stato il primo personaggio ad essere dichiaratamente omosessuale inserito in una produzione Disney.

• Viene aggiunto in questa versione un personaggio inedito: Maestro Cadenza, mai apparso in quella del 1991.

• In questo film troviamo dei precisi riferimenti storici all’epoca in cui è ambientato. Tutto è ispirato a costumi, acconciature, oggetti e architettura del diciottesimo secolo.

https://www.instagram.com/p/B26mUWHINCQ/

• Nella versione originale Maurice, il padre di Belle, è un’inventore. Qui, invece, come mestiere è un artista artigiano che costruisce carillon.

• Nel live action viene dato molto spazio al passato dei protagonisti, cosa che non succede nella versione originale. La pellicola si sofferma a lungo sulla storia del Principe e si approfondisce meglio la vita di Belle prima di giungere al castello. Tutto ciò aiuta a capire meglio alcuni tratti della storia e i caratteri dei personaggi.

• Per allestire le ambientazioni sono servite circa mille persone che hanno lavorato 24 ore su 24.

• Per ricostruire il castello del Principe Adam, gli scenografi si sono ispirati a stili architettonici come il Rococò francese.

Fonte foto: https://www.imdb.com/title/tt2771200/

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 25-12-2019


Natale Ortodosso: che cos’è e quali sono le differenze con quello Cattolico?

Buddy Valastro: ecco dove abita il boss delle torte