Il regista Fabio Fulco in Il crimine non va in pensione dirige alcuni dei migliori attori italiani: il risultato è una divertente commedia.

Fabio Fulco lo abbiamo spesso visto nei panni di attore, sia al cinema che in Tv, nel 2017 si è invece anche cimentato nei panni di regista con la commedia Il crimine non va in pensione, nella quale ha raggruppato alcuni dei migliori attori italiani per realizzare un film piacevole e divertente. Questo è tra l’altro l’ultimo film nel quale ha recitato Gisella Sofio, morta qualche mese prima dell’uscita della pellicola all’età di 86 anni.

Il crimine non va in pensione: la trama del film

I protagonisti di Il crimine non va in pensione sono un gruppo di anziani che frequentano il centro “La Serenissima”. Qui si passa il tempo giocando a carte o a bocce, facendo le parole crociate e chiacchierando.

Una delle ospiti del centro, Edda, un giorno accusa un improvviso malore dovuto allo stesso per aver perso tutti i suoi risparmi con le scommesse illegali.

Stefania Sandrelli
Stefania Sandrelli

Gli amici e le amiche de “La Serenissima” decidono di aiutare Edda organizzando una rapina al Bingo. Viene così messa in piedi una banda composta da Alfio, un ex generale, Donato, un ex autista delle star del cinema, Remo, uno stornellatole romano, Ersilia, che ha qualche problema con l’alcol, Michele e Maria, una coppia amante del liscio, Teresa e il nipote Sasà.

Il crimine non va in pensione: il cast del film

Oltre alla già citata Gisella Sofio, nel cast de Il crimine non va in pensione troviamo Stefania Sandrelli e Ivano Marescotti, nei panni di Michele e Maria. Poi Gianfranco D’Angelo, Franco Nero, Orso Maria Guerrini, Maurizio Mattioli, Giacomo Piperno, Rosaria D’Urso, Aldo Leoanrdi, Salvatore Misticone, Silvana Boni e lo stesso Fabio Fulco.

7 minuti al giorno per un corpo da favola! Scarica QUI la scheda.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
il crimine non va in pensione

ultimo aggiornamento: 23-06-2020


Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato: ecco le location del film

Sotto accusa l’algoritmo di Instagram: favorirebbe le foto senza veli