La showgirl si arrabbia con la coinquilina per averla nominata nonostante l’amicizia che le legava.

Le dinamiche relazionali si stanno complicando sempre di più in questa edizione del Grande Fratello Vip, che non lascia aperta la porta a nessun tipo di felicità. Anzi, più andiamo avanti più i concorrenti sono meno disposti a convivere pacificamente all’interno della Casa più spiata d’Italia.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Questa volta a discutere sono state Manila Nazzaro e Raffaella Fico, adirata con la coinquilina per averla votata in nomination a dispetto della promessa di non farlo e della loro amicizia. Ecco come si è sfogata la modella, come riporta Bigodino: “Mi sono sentita tradita. Mi hai votato avendo altre persone da votare. Io ti reputavo amica, non prendermi per i fondelli. Ti giuro su mia figlia che ci sono rimasta male. Mi avevi detto che non mi avresti mai votata. Guarda un po’ mi hai votato e pensa che nemmeno te l’ho chiesto. Hai avuto screzi con altri tipo con Soleil e non l’hai votata!”

Così si difende l’ex Miss Italia: “Non mi ricordo di averti promesso di non votarti.  Eravamo dentro la stanza, avevo già scelto la tua carta e avevo scartato le altre. Ti ho guardata e ho detto ‘Raffa ti ho votata’. Proprio perché ero in buona fede. L’ho fatto perché ti ho vista nervosa oggi, come se non volessi più stare qui.Eero sicura che non fossi più sicura di restare. Io chi dovevo votare? Le ragazze le adoro, con Sole non sono in guerra e voglio bene anche a Miriana e Jo. Certo che per me sei un’amica e ti ho votata proprio per questo. Con te c’era una motivazione valida, pensavo ti avrebbe fatto piacere tornare dai tuoi affetti“.

Secondo voi riusciranno a recuperare la loro amicizia o è ormai troppo tardi?

Riproduzione riservata © 2021 - DG
Grande Fratello Vip

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 17-10-2021

Anna Tatangelo, parla la sorella Silvia: “Era disperata dopo la separazione con Gigi D’Alessio”

Nino D’Angelo parla della depressione attraversata: “Ti rende una nullità”