Scopriamo tutto quello che c’è da sapere su Giovanni Allevi, pianista e autore italiano: dalle curiosità alla vita privata.

Nato ad Ascoli Piceno, Giovanni Allevi è un pianista e compositore di fama mondiale. Non si contano, infatti, i premi e riconoscimenti ricevuti da lui non solo in patria, ma anche all’estero. Scopriamo quello che c’è da sapere sul famoso artista: dagli ostacoli incontrati lungo il percorso della sua carriera fino alla vita privata!

Chi è Giovanni Allevi: la biografia

Giovanni, pianista e compositore di fama mondiale, nasce il 9 aprile del 1969 sotto il segno dell’ariete. Comincia sin da piccolo ad appassionarsi alla musica e al piano, e si laurea nel 1990 al conservatorio di Perugia.

Nel 2001 arriva il diploma in composizione al Giuseppe Verdi di Milano, ma la sua sete di sapere non finisce qui: nel 1998 ha preso un’altra laurea, all’Università degli studi di Macerata, in filosofia!

Giovanni Allevi
Giovanni Allevi

La sua carriera comincerà grazie a Saturnino, che lo invita a trasferirsi a Milano per raccogliere i sui brani, che saranno pubblicati dalla Universal con Jovanotti nel 1997. Poi cominceranno i concerti, le colonne sonore, gli spettacoli… e il suo nome entrerà di diritto nella storia della musica.

Giovanni Allevi: la malattia

Nel giugno del 2022 ha confessato sui social la sua malattia. In un post ha scritto rivolgendosi direttamente ai fan: “Non ci girerò intorno, ho scoperto di avere una neoplasia, dal suono dolce ma non per questo meno insidiosa”.

La vita privata di Giovanni Allevi: figli e moglie

Per quanto riguarda la vita privata, Giovanni è felicemente sposato con Nada Bernardo, anche lei pianista nonché sua manager. Con la moglie, il pianista e compositore ha avuto due splendidi figli: Leonardo e Giorgio.

“La mia famiglia è il mio rifugio, è la mia Itaca, spesso sono lontano per lavoro e mi accompagna durante la tournée un sottile senso di colpa che tutti i papà condividono. Il minimo che possa fare è dedicare loro alcune mie composizioni e soprattutto cercare di vivere più intensamente possibile il momento in cui sono insieme ai bimbi e magari cogliere in quel momento l’ispirazione per un brano musicale”, ha raccontato a Famiglia Cristiana.

Chi è la moglie di Giovanni Allevi, Nada Bernardo

Come abbiamo detto, i due condividono non solo la loro vita sentimentale ma anche professionale: Nada infatti è la manager di Allevi e cura tutta la parte organizzativa della sua vita artistica.

Tuttavia, Nada non è mai stata una amante dei riflettori e su di lei sappiamo molto poco: nel 2015 Giovanni le ha dedicato il suo album Love, come ringraziamento per tutto e dimostrazione del suo amore.

Inoltre su Instagram Allevi non pubblica quasi nulla riguardo la sua vita privata, che dunque rimane una sfera di cui si conosce davvero pochissimo!

Giovanni Allevi: 11 curiosità sul pianista

-Ha rivelato di essere stato molto ostacolato durante la sua carriera musicale. Da ragazzo è scappato di casa ed è andato a fare il cameriere a Milano, per permettersi un monolocale e coltivare la sua dote artistica.

-Un asteroide porta il suo nome: 111561 Giovanniallevi!

-Ha raccontato di aver vissuto un evento traumatico da bambino:  “Ero sempre stato il primo della classe, adorato da tutti. Finché, un giorno, mi presi una sospensione di una settimana. C’era stata una zuffa fra bambini, uno si era rotto i denti, e i due responsabili incolparono me. Quello che era stato un paradiso all’improvviso si trasformò in un inferno: la maestra ce l’aveva con me e gli altri genitori mi additavano come quello che era stato sospeso”, ha raccontato a Vanity Fair.

-Ha rivelato che suo padre sarebbe stato il suo più grande “detrattore” e che gli avrebbe più volte chiuso il pianoforte a chiave pur di impedirgli di suonare.

-Non ha mai fatto segreto di aver sofferto di attacchi di panico. Il suo brano Panic sarebbe stato ispirato proprio dalla sua prima corsa in ambulanza, quando credeva che sarebbe morto ma in realtà stava subendo un attacco.

-Una volta, al ristorante in cui lavorava come cameriere, sarebbe venuto a cena il direttore d’orchestra Riccardo Muti. Allevi allora gli avrebbe regalato il suo disco, ma il direttore d’orchestra alla fine della cena lo avrebbe dimenticato sul tavolo. A Domenica In avrebbe rivelato di aver preso anche quello come l’ennesimo gesto per perseverare nel suo sogno.

-In casa non possiede alcun pianoforte, e ha rivelato che compone la sua musica nella propria testa.

-Avete mai sentito l’inno della Serie A? Beh, si chiama O Generosa! e lo ha composto lui in persona!

-Come rivelato a un giornale austriaco, Allevi ha paura del cambiamento ed è una persona che preferisce stare isolata, a cui non piace la confusione. Inoltre quando va a correre fa sempre lo stesso percorso costantemente.

-Ha scritto un libro dal titolo Revoluzione: Innovazione, follia e cambiamento.

-È stato imitato anche da Checco Zalone, ai tempi di Zelig.

Dove vive Giovanni Allevi

Il pianista dal 2000 vive a Milano, il luogo dove si sono realizzati i suoi sogni. Ma come per molti, l’impatto con la metropoli non è stato dei migliori: «Mi sembrava una città affarista, grigia e piena di palazzi», ha raccontato al Corriere di Milano; ma col tempo poi ha realizzato che si tratta di «una città percorsa da un magma sotterraneo di poeti, visionari e sognatori».

Per quanto riguarda i suoi guadagni, non abbiamo info così precise.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 20-06-2022


Chi era Nazifa Noor Ahmad, la ragazza afghana premiata da Mattarella

Giorgia Venturini: tutto sulla storica amica di Nicole Minetti