Giorgia Soleri è finita nell’occhio del ciclone a causa di un post sui social da lei pubblicato a seguito di un soggiorno a Ibiza.

Giorgia Soleri, modella e attivista legata a Damiano David dei Maneskin, è finita in queste ore in una nuova bufera sui social. La modella ha pubblicato un lungo post dedicato agli ultimi giorni da lei trascorsi a Ibiza e ha scritto:

“In una società che ritiene la performance, l’iperproduttività e il sacrificio dei propri desideri per aderire a standard inumani dei valori da sfoggiare, il riposo è un atto politico. Ancor di più quando a praticarlo sono corpi non conformi, disabili, queer. Il privilegio necessario a potersi permettere di provare a vivere, anche solo ogni tanto, seguendo i ritmi di cui il proprio sé ha bisogno, continua ad essere un’ingiustizia che dovremmo combattere. Per un mondo più a misura di essere umano“. Il suo messaggio ha scatenato una vera e propria polemica via social.

Giorgia Soleri a Ibiza: la polemica

Giorgia Soleri si è fatta conoscere come attivista per le problematiche legate alla sua malattie (endometriosi e vulvodinia) e per le sue battaglie per la parità di genere. Nonostante questo la fidanzata di Damiano David dei Maneskin è spesso finita nell’occhio del ciclone per alcune delle dichiarazioni da lei fatte a mezzo social e, nelle ultime ore, c’è chi l’ha criticata aspramente per aver paragonato la sua ultima vacanza a Ibiza a un “atto politico”.

Siamo tutti d’accordo nel voler chiedere a tutti i principali provider internet di negare la connettività a Giorgia Soleri? Questa fa passare una vacanza a Ibiza come atto politico e noi siamo ancora qui ad interrogarci sul reale peso della parola ‘privilegio‘”, ha scritto un utente via social. La fidanzata di Damiano David replicherà alle numerose critiche nei suoi confronti?

Riproduzione riservata © 2023 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 09-05-2023


Marina La Rosa spara a zero sui naufraghi dell’Isola dei Famosi: “Un neurone”

Alessandra Giudicessa di Come un gatto in Tangenziale in aula: “Quei soldi sono miei”