Perché c’è differenza tra gemelli eterozigoti e omozigoti? Scopriamo cosa avviene durante il concepimento e quali fattori incidono.

I gemelli eterozigoti si distinguono da quelli che sono spesso definiti come gemelli identici. Le gravidanze gemellari sono rare e ancora più rare diventano quelle plurigemellari, ovvero quei parti che coinvolgono la nascita di più di due gemelli in un’unica gravidanza.

Vaccino Covid-19, vuoi scoprire quando sarà il tuo turno?

Ogni parto gemellare può essere però diverso dall’altro, infatti, ci sono diverse categorie di gemelli: eterozigoti e omozigoti. Che differenze ci sono tra queste diverse nascite gemellari? E questo tipo di gravidanza multipla è ereditaria?

Gemelli eterozigoti: ereditarietà

L’eventualità di un parto gemellare è abbastanza rara, anche se negli ultimi tempi la sua frequenza è un po’ al rialzo. Questo è dovuto all’impiego di farmaci che vengono utilizzati per aumentare la fertilità e inoltre, si ha un’incidenza maggiore anche con il ricorso alla fecondazione assistita.

Donna incinta con in mano ecografia
Fonte foto: https://www.pexels.com/it-it/foto/coppia-amore-relazione-immagine-5427991/

In ogni caso i parti gemellari con eterozigoti sono più frequenti rispetto a quelli degli omozigoti. Esiste inoltre una certa componente familiare, ciò significa che in famiglie con gravidanze gemellari, la probabilità di altri parti con gemelli è più alta rispetto alle altre famiglie.

Anche l’età però gioca un ruolo importante nelle gravidanze con gemelli, infatti, per le gravidanze oltre i 40 anni è più probabile avere gemelli monozigoti. Invece, al di sotto dei 40 anni si hanno più gravidanze con eterozigoti.

Gemelli eterozigoti: significato

Se i gemelli sono eterozigoti significa si sono generati da ovociti distinti in partenza che sono stati fecondati da due diversi spermatozoi. Di conseguenza i due gemelli sono due individui distinti e diversi geneticamente, proprio come due fratelli nati da gravidanze singole.

Al contrario è ciò che, invece, accade con i gemelli monozigoti che sono frutto di un’unica cellula uovo che si divide successivamente e per questo condividono in toto i geni e hanno anche lo stesso sesso.

Donna incinta con due paia di scarpette sul pancione
Donna incinta con due paia di scarpette sul pancione

Per questo è possibile avere gemelli eterozigoti maschio e femmina, ma anche bimbi dello stesso sesso. Invece, gli omozigoti, saranno sempre o due maschi o due femmine. Le gravidanze multiple con più di due gemelli seguono lo stesso principio e talvolta possono nascere gemelli identici se derivano da un’unica cellula uovo.

Vaccino Covid-19, vuoi scoprire quando sarà il tuo turno?


Cos’è il distacco della placenta, cosa lo provoca e quali sono i sintomi

Quali alterazioni fanno variare la quantità di liquido amniotico?