Federica Nargi: i segreti del suo corpo perfetto, anche dopo la gravidanza

Federica Nargi è una delle ex veline di Striscia la Notizia più care al pubblico, oltre che delle più belle: conosciamo i suoi trucchi per essere sempre perfetta!

chiudi

Caricamento Player...

Federica Nargi è rimasta nel cuore degli italiani, che l’hanno conosciuta prima come Miss Roma e Miss Cotonella nel 2007 (arrivò 11° a Miss Italia) e poi come velina mora di Striscia La Notizia, insieme a Costanza Caracciolo. Federica sembra davvero una ragazza della porta accanto. Ha un modo di porsi molto diretto e semplice, ed è una bellezza naturale, che non ha bisogno di ritocchi.

Lo scorso settembre la Nargi, nata a Roma nel 1990, è diventata mamma della piccola Sofia, nata dal suo grande amore con il calciatore Alessandro Matri. Dopo il parto è tornata subito in formissima!

ALESSANDRO MATRI FEDERICA NARGI

I segreti di bellezza di Federica Nargi

La bellezza e la tonicità richiedono sacrifici. Bisogna dire che sicuramente la genetica aiuta parecchio, ma l’attività fisica costante può fare davvero la differenza. Federica Nargi è stata educata allo sport sin da quando era piccola. Ha frequentato, infatti, un corso di danza, per diversi anni. Questo ha sviluppato in modo armonioso il suo corpo, consentendole – grazie anche al suo viso proporzionato e dolce – di vincere diversi titoli di bellezza.

L’ex velina non ha mai smesso di praticare sport, anche quando ha chiuso con la danza per motivi di lavoro. Le sue attività preferite sono delle sedute in palestra, che le consentono di tenersi sempre in movimento e bruciare i grassi, e andare a cavallo. Dopo essere diventata mamma, Federica (che non ha tate) ha preferito far venire in casa il personal trainer, per non doversi allontanare dalla sua piccina.

Federica non ha mai nascosto la sua passione per la buona cucina e dice anche di concedersi ogni tanto un bell’hamburger con le patatine fritte e il ketchup, a patto poi di allenarsi come si deve in palestra per bruciare tutto. Nessuna rinuncia, nemmeno per pane e pasta: l’importante è tenersi in movimento.