Le emoji, negli ultimi anni sono diventate un vero strumento per comunicare. Scopriamo quali sono quelle più usate ed apprezzate in tutto il mondo.

Quando si comunica tramite smartphone e dispositivi di vario tipo, una cosa del tutto normale è fare uso delle emoji. Faccine che ormai da anni sono protagoniste di ogni chat o canale di comunicazione e che a volte riescono persino a tenere in piedi intere conversazioni fatte solo di questo.
Non tutti sanno, però, che dietro le emoji c’è un vero e proprio mondo nonché una banca dati centrale (La Unicode) che ogni anno decide quali tenere e quali togliere. Il tutto passa ovviamente anche da studi che mirano a scoprire quali siano le preferenze a livello mondiale. Motivo per cui ad oggi è possibile sapere anche quali simboli vengono scelti più spesso dagli utenti.

Ecco quali sono le emoji più usate al mondo

Inutile dirlo, è difficile resistere alla tentazione di inserire delle emoji nelle conversazioni che si hanno via chat.

emoji
emoji

Una moda ormai diventata così di uso comune da avere una giornata dedicata che si celebra il 17 Luglio di ogni anno. Andando alle faccine più usate, le ultimi indagini hanno rilevato che nel mondo vengono usate in particolar modo la faccina con gli occhi a cuore, quella con lacrime di gioia, quella che manda il bacio e quella con il simbolo del cuore.

Ovviamente si tratta di scelte che variano leggermente da paese a paese. In Italia, ad esempio, la più usata in assoluto è quella che manda il bacio. Mentre nelle conversazioni private sembra vincere sempre il cuore.

Le nuove faccine in arrivo nel 2022: ecco quali attendersi

Come già accennato, dietro le emoji c’è tutto in mondo da scoprire. Mondo che comprende anche un’organizzazione no profit, l‘Unicode Consortium, che si occupa, tra le altre cose, di decidere le nuove faccine in arrivo.

A tal proposito, nelle scorse ore sono state annunciate quelle in arrivo per il 2022. Tra queste ci saranno il troll, il loto, la faccia che si scioglie e l’occhio che sbircia. E ancora, i cuori con le dita (saluto molto usato in Corea e in Cina), il nido sia vuoto che con le uova, l’uomo incinta e la persona generica in stato di gravidanza. Scelta fatta per abbracciare maggiormente l’inclusione.

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 20-09-2021


Cosa significa AKAB?

Al lavoro senza Green Pass? Ecco le sanzioni previste dal decreto