Dino Giarrusso, il candidato (ed ex Iena) finisce su Facebook senza veli

Una foto postata da un utente anonimo raffigura Dino Giarrusso, candidato per il M5S, davanti ad uno specchio: un selfie decisamente intimo…

Un selfie senza veli di Dino Giarrusso, ex Iena e candidato con il M5S per le prossime europee. Un selfie a luci rosse rimasto su Facebook per circa un’ora, prima di essere rimosso. Non si è accorto l’ex inviato delle Iene, ma ne è stato messo al corrente quando qualche giornalista ha chiesto spiegazione. Lui, inizialmente all’oscuro, ha subito detto che si sarebbe rivolto alla polizia postale. Ma di che scatto si tratta e chi lo ha pubblicato sul noto social network? Utente anonimo (forse una vendetta?) e fotografia che raffigura Giarrusso in piedi, in bagno, con la camicia alzata. L’immagine pubblicata non mostra alcuna parte intima, il commento che l’accompagna però è questo: “Ce l’avete tutti questa figurina, sì?”, come ad insinuare qualcosa, come se quella foto Dino Giarrusso l’avesse mandata attraverso il telefonino.

Dino Giarrusso, l’ex Iena vittima di un brutto scherzo

Mentre si trovava in Sicilia per la campagna elettorale, ha così risposto alla domanda, come riportato da Repubblica. “Cosa? Una mia foto intima su Facebook? Non ne so nulla. Ma dice davvero? Denuncerò subito la vicenda alla polizia postale. E ricordo che chiunque faccia circolare foto di nudi senza segnalarlo alle autorità competenti commette un reato”.

Dino Giarrusso
Fonte foto: https://www.instagram.com/dinogiarrusso/?hl=it

Ovviamente è partita la caccia all’autore del post, che potrebbe semplicemente aver giocato un brutto tiro a Giarrusso. C’è chi sostiene che possa essersi trattato di vendetta da parte di qualcuno colpito dalle inchieste del giornalista quando Dino Giarrusso faceva parte delle Iene.

Dino Giarrusso: alle Iene tante inchieste

Tra le ultime vicende di cui si è occupato si ricorda per esempio quella su Fausto Brizzi, che era stato accusato proprio durante la trasmissione di aver molestato alcune ragazze. Accuse, è bene ricordarlo, da cui il regista è stato completamente assolto.

ultimo aggiornamento: 14-05-2019

X