Alan Rickman, fino alla sua morte, ha scritto diversi diari che saranno pubblicati: l’attore svela dei retroscena sugli Harry Potter.

Per I fan di Harry Potter l’attore Alan Rickman è prima di tutto colui che nella saga ha egregiamente interpretato il ruolo di Severus Piton. In realtà l’attore inglese è molto di più che il volto del mago della saga fantasy, nella sua lunga carriera ha lavorato in molte opere teatrali, altro che in un gran numero di film e serie TV. Alan Rickman è morto nel 2016 all’età di 69 anni ma ora sta per tornare a far parlare di sé grazie alla pubblicazione dei suoi diari, che ha scritto sin dagli inizi degli anni ’90 fino alla sua morte: i suoi scritti saranno pubblicato in un libro dal titolo The Diaries of Alan Rickman la cui uscita è prevista per il 2022.

I diari di Alan Rickman

La lettura di The Diaries of Alan Rickman potrebbe interessare molto anche i fan di Harry Potter: tra le varie annotazioni fatte dall’attore nel corso degli anni, che verranno anche pubblicate nel romanzo, non mancano infatti alcuni retroscena che arrivano direttamente dai set dei vari film della saga di Harry Potter.

Fonte foto: https://www.imdb.com/title/tt0241527/

L’editore del libro ha definito i diari dell’attore: “Ricchi di aneddoti, indiscreti, arguti, ricchi di pettegolezzi e molto schietti. Spingono alla lettura compulsiva e offrono uno sguardo unico sulla vita quotidiana di un notevole attore, amato negli Stati Uniti almeno quanto in Inghilterra”.

Alan Rickman: i film

Oltre che interpretare il ruolo di Severus Piton nei film della saga di Harry Potter, Alan Rickman ha avuto ruolo di primo piano in celebri film come Trappola di cristallo, Robin Hood – Principe dei ladri (dove ha interpretato lo sceriffo di Nottingham), Dogma, Profumo – Storia di un assassino e Gambit – Una truffa a regola d’arte

Fonte foto: https://www.imdb.com/title/tt0241527/

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona


Magazzini Musicali: su Rai 2 arriva il nuovo Top of the Pops

Come viene garantito il diritto alla disconnessione nello smart working?