Le regole per chi è già vaccinato o guarito dal Covid: ecco come comportarsi secondo quanto stabilito dal ministero della Salute.

Prosegue la campagna di vaccinazione in Italia. In questo inizio di primavera, secondo quanto previsto dal governo, dovrebbe avvenire l’accelerazione definitiva per permettere al Paese di uscire dall’attuale stallo. La domanda che in molti si pongono però adesso è questa: come mi devo comportare se ho già avuto il vaccino o se sono guarito dal Covid? La risposta arriva direttamente dal ministero della Salute, che ha aggiornato le indicazioni di prevenzione. Ecco quali sono le regole da seguire.

Quarantena per chi è vaccinato o guarito dal Covid

Come ormai è stato più volte chiarito, essere vaccinati non vuol dire essere immuni dalla malattia. Guai ad abbassare la guardia. Sarebbe un errore imperdonabile in questo periodo storico. Per questo motivo, anche se si è già avuta una doppia dose di vaccino, di qualunque tipo, è necessario mantenere le medesime norme di comportamento di una persona non vaccinata qualora si dovesse entrare in contatto con un caso Covid.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

Stesso discorso per chi è guarito dalla malattia. Anche se la probabilità di reinfezione è ridotta (almeno nei cinque mesi successivi alla guarigione), in caso di contatto con un contagiato bisogna seguire le regole standard valide per ogni altra persona. In sostanza, vaccinati e guariti considerati contatti stretti’ sono tenuti a osservare, se asintomatici, 10 giorni di quarantena dall’ultima esposizione con un test antigenico o molecolare negativo al decimo giorno, o 14 giorni dall’ultima esposizione.

Vaccinato o guarito dal Covid? Non rinunciare alla mascherina!

Al di là dell’aspetto relativo alla quarantena e al contatto con altri casi Covid, chi è già stato sottoposto alla vaccinazione o è guarito dalla malattia non può esimersi dall’utilizzare le disposizioni di protezione individuale e dal seguire le norme igieniche ormai consigliate da oltre un anno. In altre parole, anche vaccinati e guariti devono indossare le mascherine, mantenere le distanze di sicurezza e igienizzare frequentemente le mani.

Per quanto riguarda il distanziamento, resta ancora indicato come un metro di distanza minima, ma specificano le nuove norme “sarebbe opportuno aumentarlo fino a due metri, laddove possibile e specie in tutte le situazioni in cui venga rimossa la protezione respiratoria come, ad esempio, in occasione del consumo di bevande e e cibo“. In attesa che la fine della pandemia possa portare con sé anche la fine di queste prescrizioni che stanno influenzando non positivamente le nostre vite.

TAG:
coronavirus

ultimo aggiornamento: 24-03-2021


DDI e la DAD: cosa vogliono dire e quali sono le differenze

Occupazione femminile: le proposte di intervento per la violazione delle pari opportunità