Hai mai sentito parlare di sicurezza relativamente ai siti web? Sicuramente.

Si tratta di un concetto che ruota attorno ad una tecnologia particolare che si basa sull’SSL. Probabilmente ne avrai già sentito parlare, ma se così non fosse siamo qui a chiarirti le idee.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Registrare un brevetto

SSL: cos’è?

Quando parliamo di SSL facciamo riferimento ad un acronimo il quale si riferisce alle parole: Secure Sockets Layer. Si tratta, in sostanza, di un protocollo di crittografia che è molto diffuso già dalla fine degli anni novanta e che viene utilizzato per garantire la sicurezza stessa in relazione alle comunicazioni web. Il protocollo, seppur ad oggi è conosciuto ancora con quest’acronimo, in realtà è stato sostituito anni fa dal TLS.

Quando navighiamo andiamo incontro ad una serie di pericoli non da poco. Questo perché ogni volta che visitiamo un sito, o comunque svolgiamo delle operazioni online, lasciamo delle tracce le quali possono essere recepite e intercettate da malviventi informatici. I cosiddetti hacker. Ecco perché ci sono una serie di protocolli e tecnologie di sicurezza. Quello che viene usato da tutti è il protocollo http, il quale non è comunque sia sicuro e permette a criminali informatici, ipoteticamente, di intercettare i dati inseriti e trasferiti dal browser ai server. È con il protocollo HTTPS, che come vedremo è in stretta correlazione con l’SSL, che si può garantire maggiore sicurezza, rendendo difatti illeggibili i dati. Il protocollo SSL riesce a rendere più sicura la comunicazione tra un computer e altri device e server che comunicano attraverso internet.

Correlazione SSL e HTTPS

Come anticipato già, esiste una forte correlazione tra SSL e HTTPS. Questi due protocolli possono essere considerati l’uno l’evoluzione dell’altro. Difatti, con l’istallazione di un certificato SSL, si potrà assistere al cambiamento del protocollo http in HTTPS. E ciò è facilmente osservabile sulla barra degli indirizzi quando navighiamo in rete, in alto a sinistra. Oltre a questo, possiamo anche notare un lucchetto verde. In tal caso, significa che stiamo servendoci del protocollo in questione e stiamo navigando in sicurezza.

Ribadiamo, quindi, che tali protocolli sono essenziali per garantire la sicurezza tra lo scambio di informazioni elettroniche che avviene attraverso i siti web. In particolar modo, sono soggetti a potenziali attacchi maggiormente i siti che richiedono la compilazione di moduli elettronici: proprio per questo, tutti i siti di questo tipo si servono della tecnologia SSL al fine di garantire la sicurezza massima degli utenti. Non per nulla, è lo stesso motore di ricerca Google a penalizzare i siti di questo tipo che non si servono della tecnologia SSL.

Ricordiamo, infatti, che dal 2018, con la nuova versione di Google Chrome rilasciata, si è stabilito che tutti i siti che non dispongono di tale protocollo sono segnalati con un avviso di grandi dimensioni, ben visibile, di colore rosso. Avviso che mette in allarme l’utente che visita questi siti. Difatti, questi sono così contrassegnati come non sicuri e nella maggior parte dei casi vengono ignorati dall’utente, fino anche a sparire dalle ricerche di Google.


Giacche estive: il capo must-have della bella stagione

Viaggio in solitaria per donne: le mete preferite dalle viaggiatrici del 2021