MMA: significato, storia e in cosa consiste

Cosa significa MMA?

Avete mai sentito parlare di questo acronimo? Scopriamo insieme cosa vuol dire il termine MMA, la sua storia e… tanto altro ancora!

L’acronimo MMA significa “Mixed Martial Arts” oppure “Mix Martial Art”. La sua traduzione letterale è “Arti Marziali Miste” e sono tutti gli sport di combattimento a contatto mischiati. In questo tipo di scontri sono permessi sia il portare a terra l’avversario sia usare calci, pugni ecc. Mixed Martial Arts permette quindi agli atleti di tutti gli sport di combattimento di confrontarsi tra loro.

Le arti marziali miste sono per la difesa personale e combattimenti a mani nude; sono il tipo di arti marziali raccomandato per le forze di polizia e militari. Nel MMA è permesso lottare e colpire con tutte le tecniche e i colpi che si possono trovare negli sport di combattimento. Questo risulta molto in voga e in crescita di interesse in tutto il mondo.

  • Origini: Brasile;
  • Dove viene usato: in ambito sportivo e dalle forze del ordine;
  • Lingua: inglese;
  • Diffusione: mondiale.

Storia del MMA

Le arti marziali miste sono nate in Brasile diventando poi popolari e internazionali negli anni ’90 per via dei primi tornei UFC (Ultimate Fighting Championship) americani; in questi tornei gli atleti si potevano appunto confrontare fra loro nel intento di individuare l’arte marziale più efficace.

Grazie ai tornei americani ci fu una grande rivoluzione, infatti è stato possibile riconoscere quali arti marziali davvero servivano alla difesa e quali no.

Arti marziali
Arti marziali

Le MMA hanno quindi smascherato tutte quegli stili di combattimento che in scontri reali non servono alla difesa; così facendo hanno messo fine alle persone che vendevano gli stili “inutili“, che sfruttavano la poca esperienza della gente che le praticava

Le prime competizioni di MMA, infatti hanno dimostrato che i combattimenti che non prevedono competizioni agonistiche sono assolutamente inefficaci in uno scontro reale. Inoltre hanno fatto “piazza pulita” di tutte quelle arti che facevano credere che si potesse imparare a difendersi senza mai combattere.

Come si pratica e cos’è la FIGMMA?

Tutte le MMA a livello dilettantistico sono state create dalla FIGMMA, ovvero la Federazione Italiana Grappling Mixed Martial Arts, per dare un regolamento e una gestione appropriata.

In precedenza a causa della mancata regolamentazione, alcuni dei molti corsi per le MMA sono stati condotti da insegnanti inesperti. Questi ultimi si sono approfittati e hanno raggirato gli allievi esponendoli a pericoli per la loro salute fisica.

Per le competizioni dilettantistiche, solo gli Insegnanti Tecnici ufficialmente riconosciuti e preparati possono avere allievi e hanno la responsabilità di tutelare l’integrità psicologica e fisica degli atleti.

View this post on Instagram

Made man not made for defeat.

A post shared by Conor McGregor Official (@thenotoriousmma) on

Per gli atleti a livello agonistico, come Conor McGregor, uno degli esponenti per i pesi leggeri e pesi piuma delle MMA, la FIGMMA ha imposto regole molto rigide imponendo anche l’uso obbligatorio di alcune protezioni come: il para tibie e guanti che però permettono di afferrare l’avversario e portarlo a terra.

L’abbigliamento invece è molto semplice e consiste in pantaloncini corti e una maglietta attillata che viene chiamata “rash guard“.

Scopri anche cosa significa namasté, un termine di significato totalmente differente!

ultimo aggiornamento: 01-09-2019

X