Una parola che si usa per definire degli assembramenti lampo di persone; ma da dove deriva la parola flash mob? Scopriamo di più!

Quando un numero consistente di persone si dà appuntamento (generalmente via web) in un luogo pubblico per fare un qualche tipo di evento lampo, per poi sciogliersi nel giro di pochi minuti, quello è un flash mob. Si tratta dell’unione di due parole della lingua inglese, flash, che significa “lampo”, e mob, che significa “folla”. La finalità di questi eventi improvvisi è quella di fare un’azione comune insolita, senza fini di lucro. Ma scopriamo di più sulla sua origine, facendo anche qualche esempio di flash mob famosi!

L’origine del flash mob ed esempi famosi

Generalmene, un flash mob si organizza sul web e richiama in poco tempo un gran numero di persone in una determinato luogo pubblico per svolgere insieme un’attività insolita, senza senso a volte, una pura goliardata, ma anche per sensibilizzare l’opinione pubblica su temi sensibile (un esempio è il tema della violenza sulle donne). L’origine del termine è da ricercarsi proprio in questi piccoli eventi: i primi di questi si sono svolti negli Stati Uniti nel 2002, in particolare nella città di New York

L’anno successivo ci fu anche il primo evento di questo genere in Italia, a Roma, dove un gruppo di persone, il 24 luglio 2003, si ritrovò in Via Del Corso per prendere d’assalto il negozio di dischi e musica Messaggerie Musicali chiedendo ai commessi informazioni del tutto insensate e creando disorientamento tra il personale del negozio. Alla fine ci fu un grande applauso e il gruppo si dissolse.

10 ricette DETOX per rimetterti in forma

Persone flash mob
Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/persone-folla-pubblico-celebrazione-2608316/

Il più grande flash mob realizzato alla Giornata mondiale della gioventù del 2013 a Rio De Janiero, sulla spiaggia di Copacabana, dove 1200 vescovi e 3 milioni di giovani ballarono sui passi degli animatori brasiliani.

I diversi tipi di flash mob

Esistono diversi tipi di flash mob. Ecco quali sono:

Freeze mob, dove i partecipanti devono rimanere immobili fino al segnale di fine dell’evento;

Silent Rave, dove ci si ritrova in un luogo e si inizia a ballare la propria musica che si ascolta in cuffia;

Human Mirror, i cui protagonisti sono coppie di gemelli che si posizionano in modo da avere situazione completamente speculari. A specchio in sostanza.

Massive flash mob, la cui caratteristica è radunare un grande numero di persone per riempire piazze, parchi o monumenti. Un esempio in questo senso è il movimento delle 6000 Sardine.

Fashion mob, sono delle particolari sfilate di moda in cui avviene tutto in maniera lampo con le modelle che sfilano in un contesto minimal e in un luogo decisamente insolito.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/persone-folla-pubblico-celebrazione-2608316/

Fonte foto: https://pixabay.com/it/photos/persone-folla-pubblico-celebrazione-2608316/

TAG:
cosa significa

ultimo aggiornamento: 20-04-2020


Il Commissario Montalbano – Il gioco delle tre carte: tutto quello che c’è da sapere sul film

Animali fantastici – I crimini di Grindelwald: ecco le location del film