Una condizione comune, segnalata dal tipico occhio rosso, è la congiuntivite nei bambini, vediamo da cosa dipende e come si può curare.

La congiuntivite nei bambini è tra le affezioni più diffuse ed è causata da un’infiammazione della congiuntiva. Quest’ultima è una membrana sottile e trasparente che ricopre la superficie interna delle palpebre e quella anteriore del bulbo oculare. A scatenare questa infiammazione ci sono diversi fattori, vediamo quali sono i principali responsabili e quali accorgimenti adottare per prevenire la comparsa del disturbo.

Cause di congiuntivite nei bimbi

Il segnale che lascia presagire una possibile congiuntivite è data dal caratteristico aspetto degli occhi che diventano rossi. Tuttavia l’arrossamento degli occhi può dipendere anche da altre cause, per cui è bene ricordarsi di rivolgersi sempre al pediatra per una corretta diagnosi. Tra gli altri sintomi si può presentare un aumento della lacrimazione, accusare bruciore e avvertire la presenza di un corpo estraneo nell’occhio.

Scopri i luoghi dei più famosi delitti italiani

Bambina con occhio gonfio congiuntivite
Bambina con occhio gonfio congiuntivite

In ogni caso la congiuntivite è appunto determinata da un’infiammazione più o meno severa, ma quali sono le cause che la scatenano? L’origine del disturbo può essere di natura batterica, virale o allergica, inoltre a provocarla può essere la presenza di corpi estranei che causano un’irritazione. La congiuntivite nei neonati, ad esempio, è dovuta nella maggior parte dei casi proprio ad un’infezione. Le congiuntiviti che derivano da un’infezione, sia essa batterica o virale, possono trasmettersi attraverso asciugamani, lenzuola e anche indumenti. Per questo in queste circostanze è bene evitare di condividere asciugamani e affini. Vediamo quali sono i possibili rimedi e se ci sono comportamenti che ci aiutano a prevenire l’insorgenza dell’infiammazione.

Congiuntivite bambini: rimedi e prevenzione

I rimedi per la congiuntivite dipendono dalla causa, per esempio nel caso di infezioni di origine batterica potrà essere necessario utilizzare colliri antibiotici. Nel caso di un’allergia, invece, sarà più opportuno ricorrere a colliri antistaminici o cortisonici nel caso delle forme più aggressive.

Quando la causa della congiuntivite è dovuta a un’infezione è bene evitare il contagio con dei semplici gesti: evitando di condividere gli asciugamani, lavandosi sempre bene le mani prima di pulire gli occhi del bimbo. È anche necessario trasmettere ai bambini l’importanza di evitare di toccarsi gli occhi.

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

ultimo aggiornamento: 25-09-2021


Fumare in gravidanza: quali sono i rischi e perché è importante smettere

Come lavare i vestiti dei neonati?