Il robot aspirapolvere: tra gli elettrodomestici più amati

In tema di elettrodomestici, il robot aspirapolvere si piazza sul più alto gradino del podio in quanto a gradimento da parte delle casalinghe. Questo piccolo aiutante domestico può rivelarsi un valido alleato per diminuire di molto il tempo da dedicare alle pulizie e per tenere la casa sempre in uno stato impeccabile.

A differenza di una normale aspirapolvere, infatti, il robot per aspirare la polvere agisce in totale autonomia. Non dovremo fare altro che accenderlo ed impostarlo, e lui penserà al resto.

Non tutti i robot aspirapolvere sono uguali. Per effettuare una scelta consapevole, andiamo a vedere quali sono le principali caratteristiche da verificare prima di acquistarne uno.

aspirapolvere robot

Capienza del serbatoio

La grandezza della casa da pulire è un primo fattore di cui tenere conto. Una casa in campagna, inoltre, si sporcherà più velocemente rispetto ad una in città. Che dire della presenza di animali da compagnia? In tutti questi casi sarà necessario disporre di un robot sufficientemente capiente in modo da non dover interrompere di frequente il suo lavoro per svuotare il serbatoio.

Controllo a distanza

Una delle comodità maggiori offerte dai modelli più performanti e all’avanguardia è la possibilità di controllare il proprio elettrodomestico direttamente da un’app scaricata sul proprio smartphone. Anche se non siamo a casa potremo inviare un comando di avvio per trovare il pavimento pulito al nostro ritorno.

Mappatura delle stanze

All’inizio ci sembrerà che il nostro piccolo assistente faccia un po’ di giri “a vuoto”, ripassando un po’ troppo spesso negli stessi punti. Un modello in grado di mappare le stanze riuscirà a pulire in modo più efficiente ed a ridurre i movimenti inutili e ripetitivi.

Accessori

Abbiamo accennato già a chi ha un animale domestico in casa. Esistono delle spazzole adatte che andranno a raccogliere i peli, che così facilmente possono rimanere incastrati tra le fibre dei tappeti.

Se abbiamo dei pavimenti particolarmente delicati come il parquet, anche in questo caso potremo verificare la presenza di spazzole più morbide, spazzole che eviteranno di graffiare e rovinare la superficie durante la pulizia.

Rumorosità

Potremo scegliere di far lavorare il robottino mentre stiamo riposando. Ma dormire sarà difficile se avremo scelto un modello troppo rumoroso!

Durata della batteria

Questo fattore deve tenere conto ancora una volta della grandezza delle stanze che andremo a pulire. I modelli più moderni si avviano autonomamente verso la base del caricabatterie nel momento in cui la batteria sta per esaurirsi.

Come utilizzarlo al meglio

Per sfruttare al meglio un robot aspirapolvere dovremmo mettere in atto alcuni piccoli accorgimenti.

Innanzitutto, eliminiamo lo sporco consistente con scopa e paletta o con un aspirapolvere manuale. Liberiamo il più possibile le stanze da oggetti o accessori che potrebbero essere d’intralcio al nostro piccolo elettrodomestico.

Piuttosto che lasciarlo libero di muoversi da una stanza all’altra, lasciamogli pulire una stanza per volta. Benché non richieda un grande lavoro di manutenzione, è buona norma pulire bene il serbatoio e le spazzole dopo ogni utilizzo.

Clicca qui per iscriverti alla Newsletter
Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per entrare nel nostro gruppo
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Instagram
Clicca qui per seguire Donna Glamour su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - DG

DONNAGLAMOUR ULTIM'ORA

Ultimo aggiornamento: 25-07-2022


Semifreddo 3 cioccolati: ricetta semplice e veloce

Mal di gola: i rimedi più efficaci per alleviarlo