Dai ceci ai fagioli passando dalle lenticchie al mais: ci sono alcuni cibi in scatola che è sempre opportuno avere in casa, soprattutto in caso di emergenza.

La paura di un nuovo lockdown, o comunque di una nuova emergenza ha provocato, in molti, la volontà di riempire la dispensa con prodotti e alimenti a lunga conservazione. Ecco un elenco, di ben 10 cibi in scatola, che sarebbe sempre comodo avere nella propria credenza, e non solo in caso di emergenza.

I cibi in scatola da avere in dispensa

Quando parliamo di cibo in scatola c’è chi storce il naso, dal momento che predilige prodotti freschi a quelli conservati. Ma non è il caso, però, di tutti gli alimenti: ossia ci sono dei cibi che possono essere consumati senza alcun problema. Tra questi ci sono i legumi, i cereali e la polpa (o passata) di pomodoro.

Ci saranno quelli che prediligono preparare delle conserve da utilizzare per tutto il periodo invernale, ma non tutti hanno questa possibilità e ci sono dei cibi in scatola che sono degli ottimi sostituiti. Va ricordato, inoltre, che i cibi in scatola hanno un periodo di conservazione molto lungo: che va da uno fino a 5 anni.

Dai ceci ai fagioli, dalle lenticchie al tonno passando per il mais e ancora olive, latte di cocco e condensato. Questi sono solo alcuni dei cibi, in scatola, che dovremmo avere nelle nostre case.

Dispensa
Dispensa

Cibi in scatola: tutto quello che c’è da sapere

Prima regola da ricordare è quella di leggere, sempre, le etichette dei cibi presenti sugli scaffali. Questo, inoltre, è opportuno soprattutto per sapere se all’interno ci sono dei conservanti, e quali tipi, e i valori nutrizionali dell’alimento. Oltre ovviamente a sapere la provenienza dell’alimento. Per alcuni prodotti, inoltre, si può optare anche per il vetro di modo che da non correre rischi.

Scopri quello che c'è da sapere sul dimagrimento... potresti rimanere sorpresa.


Instagram: ecco come cambiare l’icona sul proprio smartphone

iOS 14, i widget arrivano su iPhone: cosa sono e come usarli